Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Muos, stop definitivo allÂ’autorizzazione
di Redazione

Crocetta: revoca dell’assessorato regionale Ambiente. Oggi manifestazione nazionale, ma è allarme

Tags: Muos, Niscemi, Rosario Crocetta



PALERMO – Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, lo ha annunciato durante la visita del presidente del Senato, Piero Grasso, a Palazzo d’Orleans: “L’assessorato regionale al Territorio e ambiente ha revocata definitivamente l’autorizzazione per la realizzazione de Muos di Niscemi”. La firma è stata posta dall’assessore Mariella Lo Bello.Una decisione attesa e salutata da comitati e associazioni No Muos e da tutti coloro che sono contrari all’installazione del sistema satellitare della Marina militare Usa.

Oggi è prevista una manifestazione nazionale dei movimenti No Muos davanti alla base americana, ma è allarme anarco-insurrezionalisti. Secondo la polizia, alcuni gruppi si sono preparati a ostacolare e contrastare le forze dell’ordine anche con oggetti pericolosi per creare disordini. La polizia indaga nei confronti di ignoti per l’ipotesi di reato di attentato alla sicurezza dei trasporti, porto di oggetti pericolosi atti ad offendere, minacce e oltraggio a pubblico ufficiale.

Gli agenti durante ripetute perlustrazioni effettuate in questi giorni lungo il percorso su cui si snoderà il corteo hanno sequestrato in un terreno incolto alcuni sacchi contenenti una ventina di assi di legno chiodate, preparate artigianalmente, e centinaia di chiodi a tre punte ricavati da pezzi di reti elettrosaldate. I poliziotti hanno rimosso cumuli di pietre posti ai margini della carreggiata pronti per essere posti di traverso sulla strada al momento opportuno e una barricata fatta di assi di legno. Tra le persone identificate anche un giovane anarco-insurrezionalista già coinvolto in passato in disordini e scontri con le forze dell’ordine.

Articolo pubblicato il 30 marzo 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus