Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ad aprile riduzione su luce e gas, risparmi per 60 euro l’anno
di Emiliano Zappalà

L’obiettivo secondo l’Aeeg è di arrivare al -7% per la fine del 2013

Tags: Enel, Elettricità, Gas



CATANIA - Piccolo respiro di sollievo per le famiglie italiane. Ad aprile scenderanno le bollette di luce e gas. Ha rferito così l’Autorità per l’energia elettrica e per il gas, nell’aggiornamento trimestrale per le famiglie e le piccole imprese. La volontà, secondo l’Authority, è quella di “riportare il prezzo della materia prima a valori inferiori a quelli di un anno fa, grazie all'attuazione della prima fase della riforma del gas, introdotta dopo un'ampia consultazione pubblica”. Gli sgravi prevedono una riduzione del -1 per cento sulle bollette per l’energia elettrica, che si aggiunge al -1,4 per cento già registrato a gennaio, e un -4,2 per cento sulle bollette per il gas. Tutto questo condurrà a un risparmio complessivo per le famiglie calcolato intorno ai 60 euro annui (5 euro sull’elettricità e 55 euro circa sul gas). L’obiettivo, ha reso noto l’Aeeg è quello di arrivare ad un abbassamento del 7 per cento sulle bollette (almeno per quelle del gas), con un risparmio complessivo di circa 90 euro all’anno.

Spiega ancora l’Autority che “In uno scenario di forte contrazione della domanda di energia, il nuovo sistema di bilanciamento introdotto nel dicembre 2011 ha contribuito, insieme ad altri interventi di regolazione e alle recenti regole europee sull'allocazione della capacità di trasporto e la gestione delle congestioni, alla riduzione dello spread con il resto d'Europa”.
 
Tutto questo dunque, sottolineano, “ha portato alla discesa dei prezzi all’ingrosso rispettivamente del 20 per cento per il gas e del 15 per cento per l'energia elettrica prodotta da questa fonte, consentendo di arrivare da un lato all'attuale allineamento dei prezzi all'ingrosso del gas italiani con quelli europei e, dall'altro, alla forte riduzione del differenziale di prezzo nazionale-estero per l'energia elettrica”.

Sono dunque i primi segnali di inversione di tendenza rispetto agli aumenti record degli ultimi tre anni e dimostrano come le modifiche normative sul mercato del gas stiano producendo dei primi effetti positivi. Rimane forse ancora qualcosa da fare sul versante dell’energia elettrica, considerato che il calo dell’1% delle tariffe non è di fatto sufficiente a portare un risparmio concreto. Continua a pesare infatti il consistente incremento degli oneri generali di sistema, che fa segnare un aumento della spesa complessiva del +1,2%.

Articolo pubblicato il 30 marzo 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus