Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il costoso Piano parcheggi che è rimasto lettera morta
di Francesco Torre

Sette incarichi affidati dall’ex sindaco nella Città dello Stretto. A Messina 600 mila euro per un progetto mai attuato



Palermo - La repentina pubblicazione dei dati riguardanti consulenze e incarichi esterni al Comune di Messina per il periodo 2006/2008, avvenuta un po’ alla chetichella sul sito internet istituzionale dell’ente, ci dà la possibilità di guardare al fenomeno in oggetto con maggiore attenzione, e senza dover fare i conti con quelle elezioni amministrative che – avvenute nel giugno 2008 – sicuramente hanno funzionato come deterrente per la concessione di prebende ad amici, parenti e funzionari di partito. Se andiamo a leggere i dati riguardanti periodi immediatamente precedenti, infatti, ecco che i numeri raddoppiano, triplicano, arrivando a somme esagerate.

L’ex sindaco Francantonio Genovese, ora alla guida del Pd regionale, ha infatti concesso durante la sua breve sindacatura due incarichi di esperto per un totale di 155 mila euro (tra il 2006 e il 2007) a Pietro Cami, che condivide con lui da anni uno studio d’avvocato. Ha poi pagato la bellezza di cinque consulenze da 120 mila € e passa l’una (per un totale di di oltre 600 mila euro) per far redigere il Piano Urbano dei Parcheggi, rimasto peraltro praticamente lettera morta. E si potrebbe continuare a lungo, citando figli di consiglieri comunali, vecchie volpi ex Dc, belle ragazze e associazioni di dubbio valore.

E siamo sicuri che, nonostante la trasmissione e la pubblicazione dei dati sul sito del Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione, certi numeri in futuro non andranno minimamente a calare. I cittadini, ormai rassegnati alle cattive pratiche della politica, non si stupiscono più di nulla e non si ribellano, né d’altra parte le leggi vietano certe spettanze. Come ricorda la Provincia di Catania, dove invece di comunicare il motivo degli incarichi si cita direttamente la normativa di riferimento.

Articolo pubblicato il 25 agosto 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Comuni e Province: 10 mln in esperti -
    Pa siciliana. Gli incarichi esterni degli enti locali.
    Clientela. Non sempre questi esperti vengono chiamati per reali necessità. Dietro questi esborsi di denaro pubblico si nascondono spesso favori distribuiti agli “amici degli amici”.
    Gli inadempienti.  Sono tre le amministrazioni che non hanno comunicato i dati al Governo: si tratta della Provincia di Enna e dei Comuni di Trapani e Messina.
    (25 agosto 2009)
  • La passione per i funghi a Palazzo dell’Aquila -
    Tra le tante voci in elenco, ce ne sono alcune particolarmente bizzarre. Anche un “fondamentale” corso di micologia a Ragusa
    (25 agosto 2009)
  • Il costoso Piano parcheggi che è rimasto lettera morta -
    Sette incarichi affidati dall’ex sindaco nella Città dello Stretto. A Messina 600 mila euro per un progetto mai attuato
    (25 agosto 2009)


comments powered by Disqus