Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Comuni fotovoltaici, “regna” Augusta
di Rosario Battiato

Catania è il comune capoluogo in testa alla classifica siciliana. Bene anche Agrigento, Ragusa, Trapani e Siracusa. A Messina la palma di provincia meno fotovoltaica di tutta la Sicilia. Lo dicono i dati della Regione

Tags: Fotovoltaico



PALERMO – L'Osservatorio regionale e l'Ufficio statistico per l'energia hanno comunicato i dati provvisori della potenza installata in Sicilia per Comune al 28 febbraio 2013 sulla base di dati del Gestore dei servizi energetici. Il Comune al top della classifica è Augusta.

Continua la grande corsa del fotovoltaico siciliano. Lo dicono gli ultimi dati diffusi dalla Regione e distribuiti su tutto il territorio siciliano. Tra i comuni capoluogo, e non solo, domina Catania a quota 43.824 kW installati, un risultato che è secondo in assoluto soltanto ad Augusta. Tra gli altri capoluoghi spiccano le buone performance di Agrigento (37.847 kW), Ragusa (30.066 kW), Trapani (29.138 kW) e Siracusa (16.529 kW). Potrebbero far meglio gli altri centri dell'Isola a cominciare dal capoluogo regionale che si ferma a 10.072 kW, superato di pochissimo anche da Caltanissetta a 10.582 kW. Sul fondo della classifica dimorano Enna (9.550 kW) e Messina (5.740 kW), che in assoluto è il degno capoluogo di una delle province meno fotovoltaiche di Sicilia.

La palma del migliore comune siciliano in termini assoluti va ad Augusta, in provincia di Siracusa, che ha superato i 50 mila kW installati. A seguire ci sono Monreale a 32.239 kW, Vittoria, in provincia di Ragusa, a 32.225 kW, Acate, ancora nel ragusano, a 26.851 kW, e Melilli, nella provincia aretusea, a 26.140 kW. In provincia di Catania il capoluogo stacca tutti, infatti per trovare altri comuni vagamente vicini alla quota raggiunta bisogna scivolare a 19 mila kW che sono raggiunti da Belpasso (19.942 kW) e Caltagirone (19.144 kW).

I dati per provincia sono trainati dai risultati dei migliori comuni. A vincere questa speciale classifica fotovoltaica c'è Agrigento con una potenza installata pari a 186,8 MW per 18.681 MWh come stima di energia producibile. Un dato che fa bene all'ambiente visto che ad Agrigento solo nel mese di febbraio si sono risparmiate circa 10 mila tonnellate di CO2. Sul podio Siracusa (179,7 MW per 17.966 MWh) e Ragusa (166,7 MW e 16.665 MWh). Solo quarta la provincia di Catania (164 MW installati per 16.405 MWh come stima di energia producibile). Chiude la classifica Messina che arriva ad appena 40 MW installati per una stima di energia producibile a 4 mila MWh. Nel mese di febbraio la Sicilia ha complessivamente una potenza installata pari a 1120,4 MW per 112.039 MWh di energia producibile e una stima di emissioni evitate di CO2 che ha sfiorato 60 mila tonnellate.

Il riepilogo complessivo delle rinnovabili al 31 dicembre 2011 è stato realizzato da Terna. Secondo quanto riportato dall'operatore di reti per la trasmissione dell'energia elettrica la Sicilia ha totalizzato 2.751 Mw di potenza installata (1.608 eolico, 865 fotovoltaica, 151 idrica, 53 bioenergie) per 3,2 milioni di MWh di energia prodotta (2.369.900 eolico, 670.400 fotovoltaica, 109 mila bioenergie, 98 mila idrica) per 1,7 milioni di tonnellate di CO2 risparmiate.

Nel fotovoltaico risiede la grande speranza del futuro rinnovabile dell'Isola, anche perché l'eolico, che ha dominato negli anni scorsi il comparto della green economy isolana, ha mostrato tutte le sue contraddizioni dopo la confisca record da 1,3 miliardi al re dell'eolico Vito Nicastri.

Articolo pubblicato il 05 aprile 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus