Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ambiti territoriali a terra. Le tre misure del Governo
di Giuseppe Bellia

Gli interventi decisi il 1° aprile, molto però dipenderà dalla Finanziaria. Fondo di rotazione fino a giugno per superare la crisi



PALERMO - Comuni e Ato in dissesto economico - finanziario. Dunque, cosa fare? L’esecutivo regionale ha individuato il percorso per superare l’emergenza e fare riprendere la raccolta dei rifiuti e il conferimento in discarica. Il 1° Aprile si è tenuta una riunione, presso gli uffici dell’assessorato regionale al Bilancio, alla presenza dell’assessore regionale all’Ambiente, Pippo Sorbello, dei deputati regionali Nicola Leanza, Giuseppe Arena e Nicola D’Agostino e del dirigente generale del Dipartimento Bilancio e Tesoro, Enzo Emanuele, nella quale sono state tracciate le tre fasi d’intervento.
Con il primo percorso si farà ricorso al cosiddetto fondo di rotazione per finanziare tutte le realtà che lamentano difficoltà oggettive e che permetterà di far riprendere il servizio di raccolta e il conferimento in discarica dei rifiuti per superare l’emergenza. La somma occorrente coprirà il servizio fino al prossimo mese di giugno.

Il secondo e il terzo passaggio saranno determinati in ambito legislativo. Saranno quantificati i debiti fino al 31-12-2008 degli Ato, e, attraverso alcuni emendamenti alla Finanziaria, si farà ricorso ad operazioni finanziarie assistite, con la contrazione di un mutuo che permetterà l’estinzione dei debiti. Infine, subito dopo la chiusura della sessione di Bilancio, si procederà all’approvazione della legge di riforma degli Ato.
Ieri la Giunta regionale ha avviato la discussione sui termovalorizzatori e in particolare sulle procedure per le nuove gare che dovranno tenere conto della sentenza della Corte di giustizia europea. La discussione proseguirà alla prossima seduta.

Articolo pubblicato il 04 aprile 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Ato rifiuti, riordino e ripianamento - Rifiuti. La difficile gestione di raccolta e smaltimento.
    Gli annunci. Da mesi è un continuo coro. Il Governo regionale: “Faremo la riforma delle Ato”. L’Arra: “Pubblicheremo i bandi per i termovalorizzatori”. Risultato: non succede nulla.
    La situazione. In poco più di un anno i debiti degli Ambiti territoriali sono raddoppiati, oscillando fra gli 800 e i 900 milioni di euro. I servizi sono erogati a singhiozzo, con tutte le conseguenze. (04 aprile 2009)
  • Acerra. Dopo 11 anni termovalorizzatore da 600 mila t. - (04 aprile 2009)
  • Ambiti territoriali a terra. Le tre misure del Governo - Gli interventi decisi il 1° aprile, molto però dipenderà dalla Finanziaria. Fondo di rotazione fino a giugno per superare la crisi (04 aprile 2009)
  • Nel catanese stipendi e raccolta a singhiozzo - Nell’Ato Simeto3 la situazione economica sfocia in continua emergenza. A Castel di Judica gente esasperata brucia i rifiuti (04 aprile 2009)


comments powered by Disqus