Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Depositi in aumento, nessuno investe
di Patrizia Penna

Secondo i dati disponibili del 2012, in Sicilia erogati 67 miliardi di prestiti a fronte di 54 mld in depositi. Sorpresa: il credit crunch c’è, ma a frenare è soprattutto la crisi di fiducia

Tags: Debiti, Sicilia, Banca Italia



La stretta sul credito c’è, ma è leggera, pari a meno della metà di quella registrata in media nel Sud. E, comunque, i valori di erogazione del credito sono molto più alti rispetto all’ammontare dei depositi bancari.
Scorrendo i rapporti degli ultimi anni della Banca d’Italia si scopre che la Sicilia è in crisi, ma che gli istituti di credito non hanno mancato di fare la loro parte, nonostante il perenne grido di imprese, associazioni di categoria e di privati cittadini alla ricerca di un mutuo per l'acquisto della casa. Chiaro che i numeri non parlano dei casi particolari, in cui la “stretta” c’è stata e ha fatto anche danni.
Sorprende l’ultimo dato disponibile, aggiornato ad ottobre scorso: nel 2012 il rapporto crediti/depositi era a vantaggio del primo per circa 13 miliardi. Chi accusa le banche di “non fare la propria parte” deve ricredersi. Il problema, semmai, è che chi ha i soldi non investe per la mancanza di fiducia. (continua)

Articolo pubblicato il 16 aprile 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐