Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Usura e racket valgono il 6,5% del Pil
di Anna Claudia Dioguardi

Le vittime tacciono: le 4 Corti d’Appello siciliane confermano il calo delle denunce: estorsioni -10% rispetto al 2009. Il business dell’omertà. Secondo Confesercenti, in Sicilia giro d’affari di 5 miliardi

Tags: Racket, Usura



La nostra Isola stretta nella morsa di usura e racket, tace. Il silenzio delle tante, tantissime vittime della criminalità organizzata, ci costa qualcosa come 5 miliardi. Lo rivela il Focus Sos Impresa di Confesercenti Sicilia.
“Cosa nostra si è confrontata con una apprezzabile perdita di consenso, anche a seguito del rafforzamento delle istanze di giustizia sociale della collettività certamente più consapevole rispetto al passato, a respingere vessazioni e soprusi”. È quanto si legge nel rapporto della Dia relativo al primo semestre 2012. Eppure la mafia continua a strangolare le imprese nostrane. A parlare sono i dati delle quattro Corti d’appello siciliane emerge un’ulteriore diminuzione del numero di denunce  nel periodo compreso tra il 1 luglio 2011 e il 30 giugno 2012. Sono state  1804 le denunce per estorsione, e appena 285 quelle per usura con un calo, rispetto allo scorso anno, rispettivamente dell’1,6% e del 3%. (continua)

Articolo pubblicato il 17 aprile 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus