Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Letta premier incaricato. “Il governo nascerà se ci saranno le condizioni”
di Redazione

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha conferito a Enrico Letta l'incarico di formare il governo

Tags: Enrico Letta, Giorgio Napolitano



Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha conferito a Enrico Letta l'incarico di formare il governo. Il vicesegretario del Pd si è riservato di accettare, secondo la formula di rito.
 
“La sorpresa con cui ho ricevuto la telefonata del presidente Napolitano – ha detto Letta ai giornalisti - è pari solo al senso di profonda responsabilità che questo incarico mi fa sentire sulle spalle". Una "responsabilità che sento forte sulle mie spalle, anche più forte e più pesante della capacità delle mie spalle di reggerla", ha dichiarato.
 
"Questo governo non nascerà a tutti i costi - ha chiarito -, nascerà se ci saranno le condizioni". "Ce la metterò tutta, bisogna dare una risposta ai tanti italiani che non ne possono più dei giochi e giochetti della politica - ha sottolineato -. Mi metto di fronte a loro con grande umiltà e senso del limite, ma anche con determinazione fortissima".
 
Letta si è impegnato a "utilizzare il più breve tempo possibile", per sciogliere la riserva per formare il governo. "C'è bisogno di risposte immediate. Comincerò nella giornata di domani le consultazioni alla Camera e spero nel più breve tempo possibile di tornare dal presidente della Repubblica", ha affermato.
 
"Se si rivotasse probabilmente l'effetto di blocco sarebbe uguale a quello attuale e non ce lo possiamo permettere", ha osservato. “Parlerò con tutte le forze, perché le riforme necessarie e essenziali dovremo farle insieme con la pià larga partecipazione possibile".
 
A chi gli chiedeva dettagli sulla squadra di governo, ha risposto: "Il totoministri impazzerà con i nomi più improbabili... Vi dirò tutto se scioglierò la riserva quando tornerò dal presidente Napolitano. Nessun nome ancora".
 
"La situazione è quella che conosciamo - ha continuato -. Molto difficile. Questa situazione inedita e fragile non può continuare. Il Paese sta aspettando un governo". "Il lavoro che non c'è, le imprese che chiudono, la povertà che cresce, i giovani che vanno via dall'Italia. Il primo importante impegno - ha sottolineato - è dare risposte a queste emergenze enormi e insopportabili".

Articolo pubblicato il 24 aprile 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus