Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Al via Working capital 2013. Trenta grant per 30 startup
di Antonio Leo

Per partecipare al programma di accelerazione bisogna candidarsi entro il 30 maggio. Il concorso di Telecom Italia mette in palio investimenti da 25 mila euro

Tags: Working Capital, Telecom



CATANIA – Working capital, in occasione dell’edizione 2013, approda a Catania. Mentre un gruppo di innovatori dell’Isola, tra cui uno dei principali attori di Wcap, Mario Scuderi, il presidente dei giovani di Confindustria etnei, Antonio Perdichizzi, e il professore di Sociologia dei media digitali, Davide Bennato, stanno per concludere il tour negli States, tra San Francisco e New York, alle falde dell’Etna prende sempre più forma e sostanza il più grande incubatore della Sicilia e del Sud.

Per chi non lo sapesse Wcap è l’iniziativa attraverso la quale Telecom Italia sostiene startup e giovani talenti innovativi.
“L'edizione di quest’anno - ha spiegato l’ad Marco Patuano - assegnerà 30 grant d’impresa, vale a dire finanziamenti, del valore di 25mila euro ciascuno alle migliori idee”. Il gruppo telefonico crede molto nell’apertura di quelli che definisce “spazi di accelerazione”, vale a dire luoghi di lavoro di cui le startup possono usufruire facendo crescere la propria idea di impresa assistiti da un team di venture capital, imprenditori e innovatori.
“I tre luoghi di lavoro si trovano a Roma, Milano e Catania ma - ha preannunciato Patuano - Telecom potrebbe aprirne presto altri due”.

“Si tratta di un’iniziativa straordinaria - ha commentato il presidente dell’Agcom, Angelo Marcello Cardani - aggiungendo che l’azienda privata ha doveri sociali ed etici in un Paese come il nostro in cui il bisogno di creatività è drammatico”.
Per presentare i progetti c’è tempo fino al 30 settembre 2013, ma chi vuole partecipare al programma di accelerazione deve candidarsi entro il 30 maggio 2013. C’è un’altra innovazione importante.

Da quest’anno tutte le startup ammesse a Working Capital saranno incluse in un Repository a cui avranno accesso investitori italiani e stranieri. Per i progetti selezionati è un’opportunità in più di entrare in contatto con realtà internazionali come la Kauffman Society, i fondi d’investimento Principia SGR e Innogest SGR, con l’acceleratore Nana Bianca e le piattaforme di crowdfunding Siamo Soci ed Eppela, tutti partner di Working Capital nell’avventura 2013.

Articolo pubblicato il 03 maggio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Giovani al lavoro nellacceleratore catanese di Wcap (al)
Giovani al lavoro nellacceleratore catanese di Wcap (al)