Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Circoscrizioni da riorganizzare tagliando i costi per gli affitti
di Gaspare Ingargiola

Con questo obiettivo è stato già occupato il terzo piano del palazzo monumentale di piazza Giulio Cesare. Via ai primi interventi per un risparmio intorno ai 250 mila euro l’anno

Tags: Palermo, Circoscrizioni



PALERMO – Un risparmio di circa 106 mila euro all’anno. È questa la cifra che il Comune di Palermo non dovrà più sborsare grazie al trasferimento della sede della I Circoscrizione (per intendersi, l’area del Centro storico) dai locali in affitto in via dei Biscottai al terzo piano del palazzo monumentale di piazza Giulio Cesare 52, già sede dell’assessorato al Decentramento e alla Partecipazione. La decisione del trasferimento e l’entità del risparmio annuale sono stati comunicati dall’assessore al Decentramento Giusto Catania: “Questo – ha detto - è il primo tassello di una nuova sistemazione degli uffici decentrati. Si sta completando un piano di riorganizzazione delle Circoscrizioni e delle postazioni decentrate con l’obiettivo di renderle più accoglienti e riconoscibili”.

“A tale scopo – ha continuato l’assessore – è stata bandita una gara da 320 mila euro utilizzando i risparmi proveniente dai gettoni di presenza dei Consigli di circoscrizione. La cifra verrà utilizzata per l’acquisto di arredi che renderanno le circoscrizioni più vivibili sia per i dipendenti sia per il pubblico che usufruisce dei servizi”.

“Il trasferimento della I Circoscrizione – ha commentato la presidente Paola Miceli – è stato molto gradito dal Consiglio e dipendenti. I vecchi locali non erano idonei ad accogliere il pubblico. Inoltre, siamo felici di aver contribuito a operare risparmi per le casse comunali”.

Tra qualche settimana, poi, dovrebbero partire i lavori per rendere fruibile una parte oggi inutilizzata del palazzo monumentale di piazza Giulio Cesare. L’obiettivo è quello di migliorare gli sportelli dello Stato civile e aggregare il front-office della postazione decentrata e della Circoscrizione. Il piano di decurtazione degli affitti che l’assessore intende mettere in atto coinvolgerà anche altre Municipalità: tra i trasferimenti in programma ci sono quello della sede della III Circoscrizione, che traslocherà dai locali in affitto in vicolo Benfante 7 agli uffici di proprietà comunale in via Francesco La Colla, nella zona del Ponte dell’Ammiraglio a Bonagia; quello della postazione decentrata Zisa nella V Circoscrizione, che da via Giuseppe Savagnone 5 si sposterà, in accordo con l’assessorato alla Cultura, nei “dammusi” siti fra il giardino e lo splendido palazzo di origine normanna; e quello della stessa V Circoscrizione, che non sarà più ospitata in via Adua ma nel Centro polifunzionale di largo Pozzillo, a Borgo Nuovo.

“La riduzione della spesa – ha sottolineato Catania - sarà di circa 40 mila euro per la III, di circa 30 mila per la postazione Zisa e di circa 55 mila per la V, per un risparmio complessivo di 125-130 mila euro. Compiuti questi trasferimenti tutte le Circoscrizioni saranno situate all’interno di proprietà comunali”.

Il trasloco della postazione Zisa ai “dammusi” presenta però un ostacolo: “Una signora – ha rivelato l’assessore - ha occupato abusivamente il primo piano di un dammuso, ma non credo che costituirà un problema farle capire che non può restare lì. Risolveremo la questione a breve”.

Probabilmente non verrà più effettuato, invece, il previsto (e simbolico) trasloco della VII Circoscrizione da via Eleonora Duse all’Insula 3 allo Zen 2: “L’edificio della VII – ha spiegato Catania – è stato posto sotto sequestro: se dovesse scattare la confisca, penso che verrebbe assegnato all’amministrazione e a quel punto il trasferimento per risparmiare sull’affitto non sarebbe più necessario: aspettiamo dunque questo provvedimento”.

Articolo pubblicato il 22 maggio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus