Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Assistenza alla piccola proprietà immobiliare
di Giulia Cosentino

Forum con Rosario Caruso, presidente Uppi di Catania e referente regionale

Tags: Rosario Caruso, Uppi



L’Uppi è l’unione volta alla tutela dei piccoli imprenditori immobiliari attiva in tutto il territorio nazionale. Qual è la situazione in Sicilia? E quanti associati si contano?
“Attualmente le associazioni più attive in Sicilia sono tre: quelle di Catania, Palermo e Messina in cui si contano circa mille associati. Anche se chiaramente il numero degli iscritti è soggetto a variazioni di anno in anno”.
 
Qual è lo scopo principale della vostra Unione?
“Il perno su cui ruota l’Uppi, nonché il nostro scopo primario è quello di puntare sull’assistenza e la tutela della piccola proprietà immobiliare, da ogni punto di vista, prestando assistenza sotto tre aspetti principali: legale, tecnica e fiscale”.

Avete sviluppato rapporti con le Pubbliche amministrazioni regionali e locali?
“A livello locale la sede di Catania, unitamente alle associazioni rappresentative dell’inquilinato si è fatta promotrice con successo della definizione degli accordi territoriali per la determinazione dei canoni concordati, non solo per il Comune di Catania ma in altri 14 più grossi comuni della provincia. Sempre a livello locale abbiamo inoltre ottenuto la riduzione dell’aliquota Imu per gli immobili concessi in locazione a canone concordato, ovvero quel canone non libero ma determinato sulla base di parametri prestabiliti, quali la posizione dell’immobile e le caratteristiche dello stesso”.

In quanto alla ristrutturazione di alcuni immobili spesso fatiscenti, avete iniziato ad interagire con gli amministratori di condominio per far fronte a questo problema?
“A livello nazionale occorre stimolare il Governo, ma nel nostro piccolo attingiamo ai rapporti con l’Anaci, l’associazione nazionale degli amministratori condominiali e immobiliari”.

Strettamente connesso a quest’ultimo argomento è il problema degli immobili non a norma antisismica, che potrebbero crollare in caso di terremoto. Cosa ne pensa dell’eventualità di proporre una copertura assicurativa obbligatoria contro i terremoti?
“La proposta è di certo interessante, tuttavia bisognerebbe valutarne la concreta attuabilità. In primo luogo occorrerebbe una previsione di legge per mettere i cittadini in condizione di ottenere finanziamenti in conto capitale e di seguito una compagnia assicurativa disposta a prestare garanzia in una regione ad alto rischio”.

Avete qualche particolare iniziativa per valorizzare gli immobili dei proprietari?
“In quanto a tutela e assistenza, deteniamo rapporti con una compagnia assicurativa per la garanzia degli immobili per danni verso terzi e per morosità, a seconda chiaramente di quanto è disposto a spendere il proprietario. Abbiamo poi convenzioni con una società immobiliare per chi vuole vendere il proprio immobile e ultimamente siamo stati contattati dall’Ersu per cercare di trovare immobili idonei per gli studenti”.

Di quali altri progetti o proposte inerenti il settore vi siete fatti promotori?
“Oltre a quelle già enunciate, sarebbe auspicabile una riforma della normativa sulle locazioni commerciali ed in particolare l’introduzione del canone concordato anche per l’uso diverso con la previsione di vantaggi fiscali per superare la situazione di stallo delle locazioni e la crisi di mercato che ultimamente si sta facendo sentire su tutto il territorio".

Ad oggi l’evasione è pari a circa il 44 per cento. Ci sono interventi messi in atto per arginare il fenomeno?
“L’Uppi come associazione promuove la lotta all’evasione. La categoria dei piccoli proprietari va comunque tutelata nel rispetto delle regole e del bene comune”.
 
Con l’introduzione dell’Imu è aumentata la difficoltà di affittare gli immobili. Sono stati di fatto attivati degli interventi per la stipula di contratti agevolati?
“A livello locale abbiamo ottenuto la riduzione dell’aliquota Imu per gli immobili concessi in locazione a canone concordato. A livello regionale recentemente le sedi provinciali si sono riunite a Catania per promuovere la realizzazione degli obiettivi proposti in sede nazionale; in particolare: la non tassabilità dei canoni non percepiti a causa di morosità; l’eliminazione dell’Imu per abitazione principale; la riduzione delle aliquote Imu per la seconda casa; la revisione della riforma del condominio”.

Recentemente il presidente dell’Uppi nazionale, Bruyèr, ci parlava del problema della scarsa affittabilità degli immobili. Qual è la situazione a livello regionale?
“La situazione di crisi ha colpito in particolare le locazioni commerciali: le attività non sono in grado di sostenere i costi degli affitti e i proprietari preferiscono non locare piuttosto che ridurre i prezzi della locazione a fronte dell’insostenibile tassazione che grava sugli immobili. Una proposta interessante per vincere la crisi potrebbe essere l’applicazione della cedolare secca anche per le locazioni commerciali”.
 

 
Curriculum Rosario Caruso
 
Rosario Caruso, nato a Catania l’1/10/1939, avvocato. Sin dall’inizio si è specializzato in cause di lavoro e previdenziali. Si occupa inoltre di cause civili. Nel 1978, con l’introduzione della legge sull’equo canone, è stato nominato Presidente dell’Uppi di Catania occupandosi, in particolare, dei problemi attinenti ai rapporti condominiali e al relativo contenzioso. Ha partecipato, quale rappresentante della piccola proprietà immobiliare, alla stipula degli accordi territoriali con il Comune di Catania e con i Comuni confinanti. A seguito alla costituzione di varie sedi Uppi in Sicilia è stato nominato coordinatore regionale.

Articolo pubblicato il 22 maggio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Rosario Caruso, presidente Uppi di Catania e referente regionale
Rosario Caruso, presidente Uppi di Catania e referente regionale