Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La mafia sulla metanizzazione in Sicilia
di Redazione

Sequestrato un ingente patrimonio costituito da società, attività commerciali, immobili di pregio e disponibilità finanziarie, del valore complessivo di circa 48 milioni di euro

Tags: Mafia



Le mani dei boss sugli appalti per la metanizzazione in Sicilia. Un ingente patrimonio costituito da società, attività commerciali, immobili di pregio e disponibilità finanziarie, del valore complessivo di circa 48 milioni di euro, è stato sequestrato dalla guardia di finanza di Palermo in esecuzione di un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo. La società di metanizzazione al centro dell'operazione della Guardia di finanza che ha portato al sequestro di beni per 48 milioni di euro è la Gas spa. Le vicende societarie e le attività della Gas sono state ricostruite nell'ambito di un altro filone di indagine che l'aveva individuata come lo snodo di un giro di tangenti a politici siciliani. La Gas è stata costituita negli anni Ottanta da un funzionario regionale, Ezio Brancato, morto nel 2000. Il sequestro colpisce i suoi eredi.
 

Articolo pubblicato il 22 maggio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐