Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Laboratori di analisi: inevitabile recepire tariffario approvato dall’ex ministro Balduzzi
di Redazione

La Regione siciliana è tra le regioni sottoposte a piano di rientro, ciò nonostante continua la protesta. Ma l’assessore Borsellino si è impegnata a sottoporre la possibilità di prestazioni aggiuntive

Tags: Sanità, Lucia Borsellino



PALERMO - Lunedì pomeriggio, nei locali dell’Assessorato della Salute della Regione Siciliana si è tenuto l’incontro tra le sigle sindacali  e l’assessore Lucia Borsellino con il dirigente generale, Salvatore Sammartano, incontro fissato il 31 maggio scorso.
All’apertura l’assessore ha ripercorso le tappe e dato lettura del verbale del 19 febbraio u.s. puntualizzando che erano stati soddisfatti tutti i punti in esso sottoscritti, ribadendo che ulteriori iniziative e/o approfondimenti sono da valutarsi in sede di confronto nazionale.

L’assessore ha comunicato il proprio impegno a portare avanti sui tavoli sovraregionali le proposte emerse durante i lavori del tavolo tecnico e ha dato notizia di aver richiesto incontro con il Ministero.

Durante un approfondito confronto le OO.SS. hanno rappresentato che l’applicazione del tariffario Balduzzi comporta una perdita di remunerazione per loro insostenibile e chiedono 1. la sospensione del decreto assessoriale di recepimento del tariffario Balduzzi, 2. la sospensione della circolare alle Aziende sanitarie, rappresentando che le stesse non risulterebbero avere un comportamento uniforme e puntuale rispetto alla circolare che invece delimita gli effetti al mese di maggio, 3. la rivalutazione del decreto Bindi.

L’assessore nel ribadire che la Regione, peraltro in prosecuzione di piano di rientro, non poteva non recepire il Balduzzi, ha confermato l’impegno di sospendere la circolare del 16 maggio 2013 inviata alle aziende sanitarie, nelle more della verifica dell’impatto della rivalutazione del tariffario Bindi adottato con il decreto assessoriale del gennaio 2013.

Si è inoltre impegnata a sottoporre alla valutazione del Ministero l’estensione del codice 93.01.1 di cui al tariffario Balduzzi anche alla patologia clinica e, in subordine, le proposte tecniche relative alla possibile integrazione dei valori tariffari di un set di prestazioni ove rilevate dal tavolo tecnico non in linea con i costi di produzione.

Infine, è stata riconosciuta per la radiologia, la visita per le prestazioni di risonanza magnetica e di quelle con somministrazione di mezzo di contrasto.

L’assessore ha però subordinato la sospensione della circolare del 16 maggio 2013 alla cessazione di ogni forma di protesta.
Le organizzazioni sindacali, pur apprezzando il percorso delineato dall’Assessorato, hanno ritenuto che i tempi di attuazione dello stesso non consentano, in atto, di sospendere la protesta che, hanno assicurato, sarà condotta con spirito di non contrapposizione. Hanno inoltre dichiarato che restano aperti al confronto per la definitiva risoluzione delle problematiche esposte.

Oggi, a Palermo è previsto un presidio, alle 10, davanti alla sede dell’assessorato regionale alla Salute, in piazza Ottavio Ziino. I sindacati chiedono anche di disciplinare il settore con una legge quadro, che preveda nuove tariffe, sulla base di quelle cui sta lavorando il ministero.
 

 
Decreto Balduzzi. A giorni la pronuncia del Tar del Lazio
 
“Apprezziamo la grande apertura del governo regionale e dall’assessore Borsellino - ha dichiarato il presidente di FederLab Sicilia, Guido Salvo, che rappresenta 89 laboratori su 468 strutture accreditate in Sicilia - Nell’incontro di ieri è stato stilato un documento, che prevede la possibilità per i laboratori di fornire una prestazione aggiuntiva, utilizzando la voce valutazione globale del paziente, già presente nei tariffari. Sulla base dei dati delle analisi andremmo dunque a fornire un giudizio, analitico e non medico, sulla situazione generale del paziente, questo ci permetterebbe di recuperare il 25% delle risorse previste dai tagli, a fronte di un servizio aggiuntivo agli utenti. L’assessore ha dato la sua disponibilità a sottoporre la questione al ministero”. Le associazioni dei laboratori di analisi, nei giorni scorsi, avevano chiesto al governo di bloccare il decreto, in attesa della pronuncia del Tar del Lazio sulle tariffe previste dal decreto ‘Balduzzi’. La pronuncia del tribunale potrebbe arrivare a breve.

Articolo pubblicato il 05 giugno 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Lucia Borsellino
Lucia Borsellino