Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Carmelo Gugliotta: "Necessario battersi per la legalità"
di Anna Greco

Forum con Carmelo Gugliotta, questore di Messina

Tags: Carmelo Gugliotta, Messina



Messina, così come avveniva l’anno scorso, può essere definita una città sicura?
“Si. I dati sono costanti e confortanti. I furti, di abitazione e di attività commerciale, sono rimasti nel numero uguali all’anno precedente. Il numero delle rapine è diminuito dello 0,1 per cento. La città di Messina nel 2012 era posizionata in un posto molto invidiabile, al ventiseiesimo, in termini di sicurezza ed in rapporto reati/abitanti: una delle città più sicure in Italia. La città oggi, nonostante una crisi maggiore, mantiene un trend positivo.”

Qual è lo stato dei progetti di video sorveglianza?
“In questo settore non ci sono novità. I progetti Pon sono stati presentati per mezzo della Prefettura di Messina a quella di Catania, che funge da catalizzatore. Si aspettano i finanziamenti per potere avviare una sorveglianza per quei comuni definiti più a rischio. Vedremo se nell’anno nuovo saranno approvati e si potrà intraprendere questo sistema di video sorveglianza.”

Sul versante estorsione ed usura qual è la situazione? Ci sono stati miglioramenti o cambiamenti?
“Le problematiche restano presenti sul territorio. Questi sono reati sommersi e si denunciano ancora poco. Resiste il concetto che la vittima si sente come aiutata, si sente confortata da chi gli dà somme di denaro in usura e, di conseguenza, in questa sbagliata logica non tradisce. E poi c’è ancora molta ignoranza nonostante si cerchi sempre più di diffondere il concetto che chi denuncia ha la possibilità di avere dei contributi notevoli. Un grande lavoro lo ha fatto e lo sta facendo Confindustria ed inoltre ci sono normative che favoriscono chi denuncia e penalizzano chi trova intese.”
 
Qual è, a suo parere, il motivo che sta a monte della scelta del silenzio?
“E’ un problema di convenienza. Ritengono che denunciare non sia conveniente. Non c’è paura, piuttosto ignoranza! Bisogna ancora lavorare molto per rendere sempre più chiari i vantaggi della denuncia ed anche avere un sempre maggiore rapporto di fiducia con gli imprenditori. C’è poi, purtroppo, il problema del credito sul quale, a livello normativo, a mio parere bisogna intervenire. Le imprese oggi sono soffocate.”

La droga in che termini è presente sul territorio?
“Gira di tutto. In particolar modo è ritornata sul mercato l’eroina.”

La provincia messinese, per quanto riguarda la criminalità organizzata, rimane territorio caldo?
“Si. In provincia resistono i collegamenti con ”Cosa nostra”; c’è una grossa presenza di origine mafiosa che trova base su Barcellona Pozzo di Gotto e da li si irradia sul territorio circostante. Continuano ad esserci varie operazioni per debellare. Sono però chiaramente organizzazioni ben radicate e tutti questi nostri tentativi servono a ridimensionare e ad infierire”.

Da quando si è insediato fino ad oggi, come è cambiato il modo di gestire le forse dell’ordine?
“Io ho dialogato fin da subito e dialogo molto con la città. Ho ridotto moltissimo i servizi di ordine pubblico: 30 per cento nell’ultimo anno e 50 per cento rispetto a tre anni fa. Metto, ad esempio, meno gente nelle manifestazioni sportive o anche nelle manifestazioni di piazza. Scelta questa nata da tutta una serie di incontri con le associazioni sindacali e con i vari rappresentanti e, quindi, dalla comprensione di quelli che sono i loro motivi e le nostre esigenze. E questo risparmio lo impieghiamo in altri servizi di controllo del territorio. Ho ridotto anche la presenza negli uffici. Questo potrebbe allungare taluni tempi di consegna ma bisogna avere delle priorità!”
 
Quali sono gli obiettivi che si pone?
“Personalmente mi pongo l’obiettivo di continuare così come si sta procedendo e così come abbiamo iniziato. Ritengo fondamentale dialogare dentro e fuori dando disposizioni chiare.”

Quali sono le priorità cui darà seguito?
“Le mie priorità sono, sicuramente, la presenza sul territorio, il contatto con la gente sulla strada e quindi, ad esempio, anche momenti di incontro con gli studenti. La volontà di essere presente in convegni e conferenze; l’incontro ripetuto e costante anche con i quadri sindacali, per capire e confrontarsi.”

Quale sono le sensazioni ed i bisogni che emergono dal contatto con la gente?
“Emerge la presenza di una grande insicurezza ma a volte ingiustamente. Aumenta la percezione della insicurezza mentre la sicurezza reale è identica e questo è dovuto ad un fatto di malessere e di situazione economica disastrosa.”

Questo diffuso malessere presente tra la gente quali conseguenze comporta?
“Comporta un bisogno di maggiore sicurezza: ad esempio le chiamate al 118 sono aumentate anche per motivi non validi. E noi dobbiamo essere ancor più presenti. Il cittadino si deve sentire poliziotto, partecipe del progetto sicurezza. La sicurezza è un bene che tutti dobbiamo difendere.”

Come sono i rapporti con le altre istituzioni locali?
“I rapporti con le altre forze dell’ordine sono costanti, ottimi e totali.”

Da quante persone è composto l’organico?
“In tutta la provincia siamo settecentoventi uomini.”
 

 
Curriculum Carmelo Franco Maria Gugliotta
 
Carmelo Franco Maria Gugliotta è entrato nella Polizia di Stato il quindici settembre del 1979. In passato ha diretto il Settore di polizia di frontiera di Tarvisio, la Sezione narcotici della Squadra mobile di Palermo, la Squadra mobile di Messina ed ha ricoperto l’incarico di Capo di Gabinetto della Questura di Reggio Calabria. è stato vice questore vicario della Questura di Messina. è stato questore della Provincia di Matera. Dal primo luglio del 2010 è questore della Provincia di Messina.

Articolo pubblicato il 11 giugno 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Carmelo Gugliotta, questore di Messina
Carmelo Gugliotta, questore di Messina