Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Energie rinnovabili, giù i costi in bolletta in Sicilia
di Cecilia Mussi

Secondo Aper le energie rinnovabili possono ridurre i costi dell’energia elettrica italiana: in Sicilia prezzi quasi dimezzati grazie a eolico e fotovoltaico.

Tags: Aper, Energia Rinnovabile, Energia Elettrica, Prezzi, Eolico, Fotovoltaico



Aper, Associazione Produttori Energie Rinnovabili, ha dimostrato che grazie al solo utilizzo di energie rinnovabili si può provvedere alla totale copertura energetica dell’Italia con un netto abbassamento del prezzo delle bollette. Il 16 giugno scorso, infatti, tutta l’Italia è stata coperta per due ore usando soltanto energia verde.
 
L’energia elettrica è una delle voci che pesa di più nel bilancio delle famiglie italiane, ma secondo Aper, sviluppando le fonti rinnovabili questa spesa potrebbe sensibilmente ridursi, e la Sicilia ne è già un esempio.
 
Lo dimostra il recente studio “Le energia rinnovabili e il mercato elettrico - I benefici delle rinnovabili sul prezzo dell'energia", che sarà presentato il prossimo 18 luglio. Ecco i punti principali che sono stati affrontati.
 
L’associazione ha analizzato gli esiti del Mercato del Giorno Prima (MGP) a partire dal 2011, sia a livello zonale che nazionale, su base mensile. Inoltre ha analizzato il cosiddetto Merit Order Effect (MOE), ossia la capacità delle fonti rinnovabili grazie a bassissimi costi marginali di produzione di vincere sulle fonti tradizionali contribuendo ad abbassare il costo dell'energia. Per esempio in Sicilia nel mese di agosto il prezzo medio in esito all'MGP con eolico e fotovoltaico (0 - 300 MW) utilizzati al minimo è stato pari a circa 226 €/MWh, mentre in caso di massimo apporto (900 - 1.300 MW) è stato circa pari a 105 €/MWh, con un radicale dimezzamento di costi.
 
Facendo i confronti su scala nazionale, si evince che il Prezzo Unico dell'Energia (PUN) è sceso con l'aumentare della produzione da rinnovabili. Grazie a una produzione da eolico e fotovoltaico non superiore ai 2000 MW il PUN medio riscontrato è stato pari a circa 147 euro/KWh, mentre quando la produzione da eolico e fotovoltaico si è attestata tra 6.000 e 8000 MWh il PUN è sceso a 95 euro/MWh.
 
In sintesi lo studio proposto sostiene l’utilizzo delle energie green in tutta l’Italia come alternativa ormai insostituibile alle energie tradizionali. Inoltre l’obiettivo di Aper è quello di far ritrovare lo slancio iniziale a livello nazionale verso l’utilizzo di energie pulite, accusate invece di essere responsabili del caro bollette degli ultimi anni.

Articolo pubblicato il 11 luglio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus