Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Strano: “Parola d’ordine programmazione”
di Vanessa Paradiso

Intervista all’assessore regionale al Turismo sulla situazione del comparto. Un ddl per armonizzare la previsione dei distretti turistici

Tags: Nino Strano



PALERMO - Abbiamo intervistato l’assessore al turismo, Nino Strano.
“In ciascun capoluogo di provincia è stato istituito un servizio turistico regionale, che pertanto assicura la presenza periferica dell’assessorato. Inoltre, in considerazione della valenza turistica di Taormina si è ritenuto di istituirne uno anche nella Perla dello Ionio”.
Su quali budget possono contare gli uffici per i servizi turistici e ritiene operino con efficienza? 
“Come ogni nuova creatura bisogna tradurre nei fatti e nella pratica le numerose e proficue competenze che la legge ha assegnato loro. In atto non possiamo distinguerle per efficienza e capacità di spese, ma certamente la Regione si muoverà in tal senso. I servizi turistici sono fondamentali perchè garantiscono una positiva immagine e un efficiente biglietto da visita per il turista”.

Comuni e Province si sono attivate?
“Non c’è stato un atteggiamento omogeneo, ma provvedimenti distintisi per lo più per spontaneismo di qualche amministratore locale”.

Quali novità intende apportare al settore del turismo?
“Tante sono le novità che introdurrò, altre sono idee che riproporrò, come il circuito del Mito, che è stato crogiolo di intelligenze e di esperienze positive.
“Bisogna poi armonizzare la previsione del distretto turistico creata dalla legge regionale, con quella della legge nazionale del sistema turistico locale.
“Un ddl in tal senso è già pronto e sta per approdare in giunta. Ma la parola d’ordine è programmazione: nessun evento, anche il più sensazionale, se non è programmato con largo anticipo non può essere portato a conoscenza degli operatori turistici, anche internazionali, e portare così un incremento delle presenze”.

Ritiene sia necessaria una “cabina di regia regionale”?
“Sarebbe certamente opportuno, ma bisognerebbe superare una visione localistica che crea resistenze”.

Articolo pubblicato il 03 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Il turismo affossato dal personale -
    Turismo. Un’accoglienza da serie C mette in fuga i visitatori.
    Risorse mal sfruttate. La Sicilia, secondo l’indagine Unioncamere-Isnart in collaborazione con l’osservatorio nazionale del turismo, è la meta preferita dagli italiani per l’estate, ma le sorprese sono dietro l’angolo.
    Turisti penalizzati. Ammonta a circa 20 mila € il budget a disposizione di ogni singolo Servizio turistico regionale. Con tale scarsità di fondi anche realizzare una brochure risulta un’impresa.
    (03 settembre 2009)
  • La mappa. Dove sono dislocati i 22 Servizi turistici regionali - (03 settembre 2009)
  • Da Agrigento a Catania turisti poco “coccolati” -
    Lo sviluppo del territorio paga pegno per una classe dirigente “distratta”. Nella città dei templi si pensa a realizzare pacchetti low cost
    (03 settembre 2009)
  • Strano: “Parola d’ordine programmazione” -
    Intervista all’assessore regionale al Turismo sulla situazione del comparto. Un ddl per armonizzare la previsione dei distretti turistici
    (03 settembre 2009)


comments powered by Disqus
Nino Strano, assessore al Turismo
Nino Strano, assessore al Turismo