Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Trimestrale di cassa per valutare la spesa
di Lucia Russo

Sulla gestione dell’esercizio finanziario Di Mauro risponde alle critiche di Piro. Le vere novità nella direttiva del presidente Lombardo

Tags: Roberto Di Mauro, Franco Piro



PALERMO – Franco Piro parlamentare regionale del Pd ha rivolto una nota critica al governo regionale in materia di Bilancio e riduzione delle spese. “Non è possibile rattoppare con interventi estemporanei, soprattutto perché crescono i vincoli esterni, come quelli posti dal patto di stabilità”.

Pronto a ribattere l’assessore regionale al Bilancio Roberto Di Mauro: “Il governo della Regione conosce bene la situazione finanziaria, che non rende agevole la predisposizione del nuovo bilancio; su questa consapevolezza, ha predisposto le norme per il controllo della spesa corrente e indicato, nel Documento di programmazione economica e finanziaria (Dpef) approvato ad agosto in giunta, la strategia per intervenire, in modo strutturale, sui principali capitoli di uscita, in maniera tale da dare avvio a un effettivo risanamento dei conti”.

“Attendiamo – ha aggiunto Di Mauro – i dati della trimestrale di cassa, prima di prendere qualsiasi decisione, da assumere in linea con quanto previsto dalle leggi regionali. Già ad agosto, ho emanato una circolare che, in vista della predisposizione del Bilancio 2010, porti al contenimento delle spese non essenziali. Ma, per perseguire l’obiettivo di un risanamento duraturo e strutturale, occorre intervenire sui maggiori aggregati di spesa della Regione: la Formazione professionale, il precariato, i servizi acquisiti dalla Regione, la Sanità, dove, però, sono già stati ottenuti importanti risultati”. Di Mauro ha in sostanza richiamato i contenuti della direttiva del 7 agosto del presidente Lombardo che ha individuato gli obiettivi per gli assessori da raggiungere entro il 2009. E cioè: una più efficiente organizzazione degli uffici e un più razionale impegno del personale. E poi il riordino di tutti gli enti, consorzi, agenzie che gravano sul Bilancio regionale, con la previsione anche della soppressione di alcuni di essi. La direttiva è l’unica vera novità nel governo in corso. Infatti la circolare dell’assessore al Bilancio sulla predisposizione della bozza per il 2010 rientra nella prassi degli atti emanati dall’assessorato nel mese di agosto nella fase della predisposizione dei preventivo per l’esercizio finanziario successivo.

Di Mauro riconosce: “Soltanto attraverso la riqualificazione della spesa, evitando gli sprechi e utilizzando al meglio le risorse proprie e quelle trasferite dallo Stato e dall’Unione europea, la Regione potrà avviare il risanamento dei conti e accompagnare la crescita dell’economia siciliana”.

Articolo pubblicato il 04 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Roberto Di Mauro, assessore regionale al Bilancio
Roberto Di Mauro, assessore regionale al Bilancio
Franco Piro, parlamentare regionale del Pd
Franco Piro, parlamentare regionale del Pd


´╗┐