Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Comuni, stipendifici improduttivi
di Alessandro Accardo Palumbo

La spesa per il personale assorbe il 38 per cento delle spese correnti. Agli investimenti solo le briciole (11 per cento). La Corte dei Conti boccia la gestione delle amministrazioni siciliane

Tags: Comuni, Sprechi, Corte Dei Conti



PALERMO - Un esercito di dipendenti che, nonostante il numero, non riesce a garantire ai cittadini siciliani servizi efficienti, puntuali e in linea con gli standard europei. Il giudizio della Corte dei Conti sulla gestione delle risorse economiche da parte dei Comuni della Sicilia è senza appello: si spende tanto e male.
La solita storia, fatta di meccanismi elefantiaci mantenuti in piedi soltanto per pagare buste paga improduttive e investimenti che restano fermi al palo (e con essi la possibilità di aprire cantieri per opere pubbliche e creare occupazione).
Emblema della situazione appena descritta è la questione legata ai precari, che dal 2009 al 2012 sono costati ai Comuni siciliani, e dunque alla collettività, quasi un miliardo di euro. Peccato che, in termini di servizi resi, nessuno se ne sia accorto. (continua)

Articolo pubblicato il 24 luglio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐