Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Assicurazione auto, preventivo più caro per le imposte record
di Francesco Tempesta

L'Rca auto degli italiani diventa ancora più cara a causa dell'aumento delle aliquote provinciali, ovunque in aumento

Tags: Auto, Assicurazione, Rca, Province, Aumento, Aliquote, Tariffe, Frodi, Gettito Fiscale, Sinistri, Incidenti



Sul tema assicurazioni auto non accennano a placarsi le polemiche. Non bastava la disputa fra Ania ed Ivass sull’andamento delle tariffe: ad infuocare gli animi c’è, infatti, anche l’aumento dell'impostaprovinciale.
 
La tassa, introdotta in seguito all’approvazione del decreto sul federalismo fiscale (metà 2011), conferisce alle Province la facoltà di deciderne liberamente l’importo. I dati riportati sul sito del Ministero dellEconomia mettono, però, di fronte ad unamara verità: quasi l80% degli enti provinciali ha, infatti, incrementato il prelievo sull’assicurazione auto, portandolo al massimo consentito (aliquota al 16%).
 
Le Province virtuose che non hanno seguito la “massa”, mantenendo l’aliquota al valore base di 12,50% sono purtroppo solamente due, come a dire che dietro all’elevato costo delle tariffe Rca non ci sono solo frodi e fantomatici sinistri, ma anche e soprattutto un gettito fiscale ai limiti del tollerabile.
 
Per venire incontro ai cittadini, già abbastanza vessati da un carico fiscale così oneroso (anche rispetto ad altri Paesi Ue), le Province dovrebbero, quindi, avere un maggiore senso di responsabilità e ridurre l’importo dell’imposta provinciale.
 
Sarà forse per questo motivo che il Governo ha annunciato nei giorni scorsi una riforma nazionale dell’Rca?

Articolo pubblicato il 24 luglio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus