Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Aut aut respinto al mittente Crocetta difende la sua “idea”
di Antonio Leo

Il governatore non è stato espulso dai democratici, che non accettano chi ha due tessere. Scilabra al QdS: “Noi siamo nel Pd, nulla cozza con il Megafono”

Tags: Rosario Crocetta, Regione Siciliana



PALERMO – O con noi o contro di noi. Per quanto l’espulsione non c’è stata, sembra chiaro il messaggio che la Direzione nazionale del Pd ha indirizzato al presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, “reo” secondo i democrats di tenere un atteggiamento ambiguo. Il documento varato dal vertice romano sentenzia: “Sono escluse dalla registrazione nell’anagrafe degli iscritti e nell’albo degli elettori del Pd le persone appartenenti ad altri movimenti politici o iscritte ad altri partiti politici o aderenti a gruppi consiliari diversi da quello del Partito democratico”.

Porte chiuse, dunque, all’operazione Crocetta di crearsi una struttura parallela, magari per meglio competere all’interno del Pd? Non è detto. È vero che il governatore isolano si è spinto troppo oltre, laddove nemmeno Matteo Renzi ha mai osato, ma l’impressione è che la partita sia tutt’altro che chiusa. Tanto che l’ex sindaco di Gela è ripartito subito con la sua vecchia-nuova strategia: “Il Megafano è un’idea”. Un ritornello su cui anche i suoi più stretti collaboratori stanno puntando.
Ce l’ha ripetuto ieri, nel corso di un incontro a Catania, l’assessore regionale alla Formazione, Nelli Scilabra. “Non è stato un aut aut – dichiara al QdS Scilabra - il documento del Pd è chiaro: come abbiamo detto più volte il Megafono è un’idea, non un partito. Le idee non si possono distruggere”.

Certo è che qualcosa dovrà essere rivisto, specie alla luce di quanto ha mostrato su Facebook l’ex deputato nazionale del Pd, Tonino Russo, e cioè tanto di modulo di iscrizione alla suddetta “Idea”, con annesso conto bancario a cui versare le quote. Anche le idee hanno un prezzo.
“Chi è Tonino Russo? - si chiede la Scilabra - Non ho letto queste dichiarazioni”. E giù di nuovo: “Il Megafono è un’idea e le idee non si distruggono. Vedremo quello che vogliono i cittadini. Io e il presidente Crocetta siamo due esponenti del Partito democratico. Io, poi, sono nel Pd da sempre e faccio pure parte della Direzione regionale. Penso che nulla cozza con il Megafono”.

A ribadire che di mollare la sua “creatura” – quella che ha permesso al Pd di vincere alle ultime amministrative e di evitare che la barca democratica affondasse sotto i colpi degli scandali nella Formazione – non ne ha alcuna intenzione, è lo stesso presidente della Sicilia. Che rimette ad Epifani, il traghettatore della segreteria nazionale del Pd, la scelta definitiva: o in questo modo oppure ognuno per la sua strada, ma il Megafono non si scioglie. Ed è così che Crocetta, con una delle sue solite piroette, rispedisce al mittente l’aut aut.

Articolo pubblicato il 25 luglio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus