Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Deraglia treno, 80 morti. Tragedia per la Spagna
di Redazione

Il convoglio ha affrontato una curva al doppio della velocità consentita

Tags: Treno, Spagna, Santiago De Compostela, Deragliamento



SANTIAGO DE COMPOSTELA - Nel tardo pomeriggio di ieri era già salito a 80 morti e 178 feriti (di cui 36 gravi) il bilancio del pauroso incidente ferroviario che ha visto deragliare un treno Renfe dell’Alta Velocità nei pressi di Santiago, nel nord-ovest della Spagna. Si tratta di uno dei peggiori disastri ferroviari europei degli ultimi 25 anni, il peggiore in Spagna negli ultimi 40 anni. Secondo le prime ricostruzioni, il convoglio è entrato alla velocità di 190 km/h in una curva dove non avrebbe dovuto superare gli 80 km/h. Sconvolgente il video di una telecamera di sicurezza, pubblicato sul sito web del quotidiano El Pais, che ha fatto il giro dei media e che mostra il treno mentre impatta su un muro a lato dei binari, lacerandosi in più parti mentre i vagoni schizzano in più direzioni come schezze impazzite.

Il governo della Galizia ha detto che il treno aveva due macchinisti. Uno dei due è già sotto inchiesta. Il governo sta lavorando sull'ipotesi che il deragliamento, avvenuto alla vigilia della principale festa religiosa della città, sia un incidente, ma per avere conferme ufficiali bisognerà attendere che le autorità esaminino la scatola nera del convoglio.
Meno probabile che si tratti di un attentato o di un sabotaggio, benché il disastro abbia riportato alla memoria l'attacco ai treni di Madrid del 2004, realizzato da militanti islamici, che provocò la morte di 191 persone. Secondo il ministro dei Lavori pubblici è troppo presto per tirare delle conclusioni su quanto è successo.

Il treno da otto vagoni, dalla compagnia statale Renfe viaggiava con a bordo 247 persone ed è deragliato intorno alle 20,40 mentre la città si preparava alla festa di San Giacomo, in cui migliaia di pellegrini da tutto il mondo affollano le strade della cittadina. L'ufficio del turismo ha detto che tutte le feste sono state cancellate.
Il primo ministro Mariano Rajoy, che è originario di Santiago, ha fatto visita alla città e ha proclamato tre giorni di lutto nazionale.
Sia Renfe che la società Adif, responsabile per i binari, hanno aperto un'indagine sulle cause del deragliamento. Adif ha precisato che non ci sono stati tagli di budget per la manutenzione della linea, che collega La Coruna, Santiago e Ourense ed è stata inaugurata nel 2011, aggiungendo che ogni anno vengono spesi oltre 100 milioni di euro per la manutenzione dei binari in tutta la Spagna.

Articolo pubblicato il 26 luglio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus