Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

“Dibennardo confermato presidente della Soaco”
Lo ha anticipato il sindaco di Comiso, Filippo Spataro

Tags: Rosario Dibennardo, Soaco, Comiso, Aeroporto



COMISO (RG) - Rosario Dibennardo continuerà a essere il presidente di Soaco spa, la società di gestione dell'aeroporto locale, per il prossimo triennio. Ad anticiparlo è stato il sindaco Filippo Spataro nel corso di una conferenza stampa tenutasi ieri in Municipio.
Il primo cittadino ha spiegato che ragioni di opportunità l'hanno indotto ad anticipare di qualche giorno l'ufficializzazione del nome del presidente di Soaco per “uscire da eventuali incertezze e dare autorevolezza a chi fin da oggi e nelle prossime ore è chiamato a importanti incontri riguardanti lo start up dell'aeroscalo comisano”.

“In questo modo – ha aggiunto il sindaco Spataro - si danno certezze anche agli interlocutori. La decisione di riconfermare alla presidenza Dibennardo, inoltre, è consigliata dal fatto che bene ha lavorato in questi ultimi anni per l'avvio dell'aeroporto, seguendone passo dopo passo le varie fasi. Oggi pochi altri possono dire di conoscere le problematiche del caso come lui. Non sarebbe stato logico né opportuno privarsi di una persona che ha acquisito una memoria storica dei fatti proprio in questo momento cruciale di start up”.
Spataro ha inoltre voluto porre l'accento sul fatto che alla riconferma di Dibennardo si sia pervenuti in modo assolutamente collegiale e unanime.

Il primo cittadino, infine, ha dichiarato che non farà parte del Cda della società che gestisce lo scalo sia per libera e personale decisione in quanto sindaco in carica, sia perché, dal maggio scorso, è  intervenuta una legge che impone a tutti gli amministratori in carica, quindi non solo sindaci e assessori, ma anche consiglieri comunali, il divieto di essere componenti di Cda di società partecipate. Tale divieto, inoltre, si estende anche a quanti, gli stessi incarichi istituzionali, hanno ricoperto negli ultimi due anni.

Articolo pubblicato il 26 luglio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus