Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mecenati d’arte, Regione siciliana immobile
di Antonio Leo

Senza fondi per restaurare i Beni culturali siciliani: la soluzione nella L. 35/12 ma dg e sovrintendenti non cercano i finanziatori. Castello di Lombardia (En), Torre Cabrera (Rg): in pagina tutti i monumenti a rischio

Tags: Regione Siciliana, Beni Culturali



PALERMO – Teoricamente ogni anno le Soprintendenze siciliane devono inviare alla Regione un elenco con i beni culturali di loro competenza che intendono riqualificare. “Non prendo in giro cittadini, sindaci e preti inviando elenchi privi di copertura finanziaria”. È forse la risposta di Salvatore Scuto, soprintendente di Messina, la sintesi più eloquente del totale immobilismo della Regione siciliana verso i suoi tesori più preziosi, i beni culturali. Facendo una ricerca sul sito web della Carta del rischio si scopre che nell’Isola, sparsi lungo le nove province, ci sono circa 7.000 opere vulnerabili e in via di sgretolamento. Ciononostante, gli interventi di riqualificazione sono impossibili con le somme che ogni anno vengono stanziate nei bilanci regionali. (continua)

Articolo pubblicato il 09 agosto 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus