Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

“Ribadisco il mio no all’impegno in politica”
di Redazione

Marina Berlusconi smentisce le voci su una candidatura al posto del padre

Tags: Marina Berlusconi, Berlusconi



ROMA - “Dal momento che ogni mia dichiarazione non è servita finora a fermare le voci su una possibile candidatura, devo ribadire ancora una volta, e nel modo più categorico, che non ho mai preso in considerazione l’ipotesi di impegnarmi in politica”. Lo afferma il presidente di Fininvest e Mondadori, Marina Berlusconi. “Mi auguro - conclude Marina Berlusconi in una nota - che di questa ulteriore smentita prendano atto anche quanti continuano ad attribuirmi un’intenzione che non ho mai avuto e che non ho”.

Intanto, continuano le ipotesi sulle strategie di Berlusconi per uscire dall’angolo. Le domande a quei pochi che in questi giorni riescono ad avere contatti con Silvio Berlusconi sono sempre le stesse. C’è attesa per le mosse del Cavaliere. A sentire ‘falchi’ e ‘colombe’, chiuso nella sua villa di Arcore l’ex premier in alcuni momenti appare pronto a mollare gli indugi per giocarsi la carta del “verdetto delle elezioni”; in altri il Cavaliere torna a più miti consigli e “confida in Napolitano e Letta per una soluzione”. Forse, l’espressione più giusta è “ondeggiante”. Il lancio in grande stile della campagna per il ritorno a Forza Italia gli avrebbe ridato fiducia.
 
“La gente è ancora con me. E' un segnale forte”, avrebbe confidato. Di certo c’è che Berlusconi vuole essere informato in prima persona dell’evolversi della campagna, vuole capire direttamente se l’operazione sta riuscendo. Sono oltre 1500 i manifesti giganti con le immagini di Berlusconi sul palco di via dell’Umiltà e presto decine di aerei con striscioni pro-Cav voleranno sopra le spiagge di mezza Italia.

I ‘falchi’ sono convinti di aver segnato un punto a loro favore. E lavora ad “una grande manifestazione a Milano a settembre”.
Dall’altro lato, invece, le ‘colombe’. Sono parlamentari e dirigenti del Pdl che puntano a tenere aperti e saldi i canali di comunicazione con Palazzo Chigi e Colle. Invitano il Cavaliere a non lasciarsi andare a gesti improvvidi. Si tratta di un terreno minato, nel quale non possono esservi né promesse né rassicurazioni, ma i ‘pontieri’ non demordono. Dopo la prima reazione che ha ricompattato il partito dopo la sentenza della Cassazione, il partito inizia a mostrare qualche evidente segno di divisione al suo interno sul modo migliore di programmare il futuro. Il timore è che questo piccolo solco possa portare ad una spaccatura.
 
Reazioni opposte ha suscitato l’intervista di Pier Ferdinando Casini nella quale il leader dell’Udc parla di “nuove convergenze in nome delle comuni appartenenze europee”, ma afferma anche che nel Pdl “alcuni stanno già pensando a come rimettersi in marcia”.
 
C’è chi guarda con favore al “ravvedimento” di Casini, ma anche chi teme l’offerta. “Quando sento parlare ancora di alleanze, di formule, di ghirigori della vecchia politica all’insegna del Ppe mi viene la nausea. E quando leggo che c’è Casini, comprendo che c’è sotto qualche tranello”, sottolinea Sandro Bondi.

Articolo pubblicato il 14 agosto 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus