Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Messina - Taormina, stagione turistica salva. Ma grazie agli stranieri
di Massimo Mobilia

Soddisfatti gli operatori del settore, anche se resta da programmare la difficile stagione invernale. Flussi in aumento del 7,5%, mentre il mercato interno subisce un calo del 3%

Tags: Taormina, Turismo



TAORMINA (ME) - Dopo anni di crisi del turismo a Taormina, sembra prendere forma una debole ma incoraggiante ripresa. Secondo i dati forniti dall'Ufficio turistico regionale pare infatti che nel mese di luglio le presenze abbiano toccato quota 156.383 unità facendo segnare un +5,4% rispetto allo scorso anno, grazie ad oltre 8 mila pernottamenti in più. Sempre più determinante il mercato straniero che, al contrario di quello italiano, riesce a trainare il trend positivo: le presenze provenienti da oltre confine sono state infatti la stragrande maggioranza, oltre 128 mila, facendo segnare un aumento del 7,5% a differenza dei nostri connazionali in calo del 3%. Ma quello che interessa agli occhi dell'economia turistica è il dato annuale che, così facendo, rimane in attivo da gennaio a luglio con un incremento del 5,5% rispetto al 2012 ed oltre 527 mila presenze.

Soddisfatti sin ora gli operatori del settore ricettivo taorminese che sembrano vedere la luce dopo duri anni di crisi economica, anche se la permanenza media dei turisti rimane ancora breve, compresa tra i 3 e i 4 giorni, senza dimenticare che la ripresa dei flussi è stata determinata anche dalla revisione al ribasso delle tariffe alberghiere. Bisognerà quindi aspettare fine anno per vedere quanto, a livello di fatturato, si sia realmente guadagnato. Nel frattempo, Taormina è tornata a diventare meta privilegiata per il turista scandinavo: i norvegesi sono in aumento del 77%, grazie soprattutto ai nuovi collegamenti aerei diretti tra Oslo e Catania. Numeri in crescita anche dagli aficionados tedeschi (+27,9%), austriaci (+25,7%) e svizzeri (+21,8%), mentre grandi numeri arrivano pure dagli australiani che hanno segnato un incremento del 46%.

Le note positive non sembrano fermarsi a luglio. Nelle ultime settimane la stagione lirica al Teatro Antico ha svolto un ruolo di protagonista come traino all'incremento di pernottamenti nel mese di agosto grazie a pacchetti vacanze a diffusione internazionale. Secondo il Taormina Festival, diretto dal maestro Enrico Castiglione, grandi appuntamenti quali “Rigoletto”, “Cavalleria Rusticana” e “Pagliacci”, hanno portato nella Perla circa ventiduemila presenze. Opere di grande successo trasmesse anche in diretta e in differita su canali Rai e Sky. E da giovedì la stessa direzione artistica metterà in scena il Festival Belliniano che sarà inaugurato con l'etoile Eleonora Abbagnato e le stelle dell'Opera di Parigi.

Taormina è risultata, inoltre, tra le località più ricercate del Mezzogiorno per trascorrere le vacanze di Ferragosto, insieme a Siracusa, Sorrento ed Ischia, secondo una classifica stilata da Trivago, il popolare sito internet che confronta strutture e prezzi. A livello nazionale la località prescelta per le vacanze tra il 14 e il 18 agosto si è confermata Rimini, ma anche per la Perla si tratta di una conferma dopo il terzo posto del 2012.

Per l'amministrazione comunale adesso la preoccupazione sarà quella di programmare in tempo la stagione invernale che rappresenta il vero tallone d'achille del turismo taorminese. Si pensa ad esempio a potenziare il turismo congressuale, ma per farlo bisogna riqualificare il Palazzo dei Congressi. Nei giorni scorsi in un meeting tra Giunta e consiglieri della quarta Commissione si è pensato di destinare gli introiti della tassa di soggiorno proprio alla messa a norma del Palacongressi. L'idea dovrebbe concretizzarsi nelle deliberazioni attese a settembre.

Articolo pubblicato il 20 agosto 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐