Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Prestazioni sociali, pioggia di truffe
di Patrizia Penna

L’intensificarsi dei controlli è stato un deterrente: il danno erariale accertato, 7,8 mln € , a carico della collettività. Finti poveri, falsi invalidi e disoccupati: l’esercito dei furbetti scoperti dalla GdF Sicilia

Tags: Truffe, Invalidi



PALERMO - Otto milioni di euro di risorse pubbliche sottratte indebitamente allo Stato da truffatori senza scrupoli che, a vario titolo, hanno beneficiato delle cosiddette “prestazioni sociali agevolate”: è questo il bilancio, pesantissimo, dell’attività operativa svolta in Sicilia dal Comando regionale della Guardia di Finanza nei primi sette mesi del 2013.
Finti poveri, falsi invalidi e disoccupati sono forse la categoria di furbetti più “odiata” in assoluto: negli ultimi anni, grazie ad una maggiore sensibilizzazione di opinione pubblica ed istituzioni, e a sistemi di controllo sempre più efficienti e capillari, le autorità preposte alla tutela della spesa pubblica sono riuscite a smascherare un vero e proprio “esercito” di bugiardi che, in Sicilia, soltanto nel 2012, hanno causato un danno erariale ingente che supera i 35 milioni di euro. (continua)

Articolo pubblicato il 21 agosto 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐