Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

GdF etnea: Roberto Manna prende il posto di Gazzani
di Redazione

Avvicendamento al vertice del Comando provinciale

Tags: Guardia Di Finanza, Comando Provinciale Di Catania



CATANIA – All’interno della Caserma Angelo Maiorana, alla presenza del comandante regionale Sicilia, generale Ignazio Gibilaro e di una ristretta rappresentanza del personale in servizio e in congedo alla sede, si è svolta ieri la cerimonia di passaggio di consegne del Comando provinciale di Catania fra il colonnello Francesco Gazzani e il colonnello Roberto Manna.

Il comandante uscente Gazzani, dopo tre anni al vertice delle Fiamme gialle catanesi, è stato chiamato alla guida del Nucleo speciale privacy di Roma. Nel tracciare il positivo bilancio della permanenza siciliana, in cui sono stati raggiunti importanti risultati nel contrasto agli illeciti economico-finanziari nonché alla criminalità organizzata, ha inteso rivolgere un sentito ringraziamento alle Autorità civili e militari del capoluogo, all’intera comunità e a tutto il personale per il lavoro svolto e la collaborazione prestata in ogni occasione. Nel cedere il comando ha formulato gli auguri di buon lavoro al neo comandante provinciale Manna.

Il colonnello Manna, 46 anni, originario della provincia di Caserta, proviene dal Comando generale del Corpo dove ha ricoperto dapprima il prestigioso incarico di capo ufficio del Capo di Stato maggiore e successivamente quello di capo ufficio Personale ispettori, sovrintendenti, appuntati e finanzieri. Nel corso della carriera è stato ufficiale istruttore presso l’Accademia di Bergamo e ha retto importanti comandi quali, tra gli altri, la 3^ Compagnia di Como, il Gruppo Verifiche speciali e il I Gruppo Tutela entrate del Nucleo di Polizia tributaria di Roma, dove è stato anche capo ufficio Operazioni.

Articolo pubblicato il 27 agosto 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Da sinistra Gazzani, Gibilaro e Manna
Da sinistra Gazzani, Gibilaro e Manna