Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Estate 2013, viaggio con coupon: è boom ma... quante fregature!
di Michele Giuliano

I gruppi d’acquisto online spopolano. Il 7% dei vacanzieri ha usato questa formula. Il 30 per cento di chi ha prenotato una vacanza con questo metodo ha lamentato problemi

Tags: Turismo, Coupon, Gruppi D'acquisto



PALERMO - In viaggio con il coupon: aumentano sempre di più gli italiani ed i siciliani in particolare che vanno in vacanza con un coupon acquistato sui siti di gruppi d’acquisto online. Secondo una stima dell’Adoc, quest’estate saranno il 7 per cento di quelli in partenza per le vacanze prenotate sino a settembre. Certo le offerte sono economicamente vantaggiose ma attenzione alle truffe. “La costante crisi in cui versiamo sta costringendo i consumatori a trovare vie alternative per godersi le proprie ferie estive e la possibilità di risparmio offerta dai gruppi d’acquisto online, mediamente del 35 per cento con punte fino al 90 per cento, spinge molti cittadini a orientarsi verso questa scelta - dichiara Lamberto Santini, presidente dell’Adoc -. Ma la scelta presenta anche dei rischi e si può trasformare in un incubo”.

Il 30 per cento degli acquirenti dei pacchetti di viaggio ha lamentato delle difficoltà, legate all’impossibilità di prenotare il volo e il soggiorno nel periodo desiderato (nel 55 per cento dei casi), al diverso trattamento ricevuto rispetto ai “non-couponisti” (nel 30 per cento dei casi) o alla difficoltà nell’ottenere il rimborso di quanto speso (nel 15 per cento dei casi). Per questo l’Adoc ha ritenuto opportuno stilare e diffondere un utile e semplice vademecum da seguire prima di acquistare viaggi online. Si deve innanzitutto analizzate l’offerta nei dettagli indicati, assicurandovi che vi sia corrispondenza tra quanto promesso e quanto effettivamente previsto (esemio extra, tasse aeroportuali escluse/incluse, volo, colazione). In secondo luogo si deve verificare l’esistenza di un numero di telefono per prenotare e per, eventualmente, ottenere assistenza, oltre all’e-mail.
Ad essere consigliato inoltre di confrontare l’offerta prescelta con i costi reali della struttura d’alloggio e del volo. E’ poi buona regola confrontare l’offerta con altre offerte, sia su siti simili che direttamente con la compagnia aerea o la struttura d’alloggio. Prima di prenotare è opportuno conoscere dettagliatamente la struttura d’alloggio, magari consultando forum o siti dedicati, con i commenti e le recensioni di altri utenti. Si consiglia anche di controllare attentamente la scadenza del coupon e i periodi di validità dell’offerta e prima di prenotare si deve chiamare direttamente la struttura d’alloggio accertandovi della disponibilità nel periodo prescelto e sulla reale presenza di eventuali agevolazioni per chi prenota con un coupon. Infine una volta acquistato il pacchetto si deve prenotare immediatamente la struttura. Ma non ci sono solo i pacchetti viaggio ad essere prescelti dai “couponisti”. Una delle offerte più gettonate è la pulizia dei denti, con tanto di sbiancamento. Poi i massaggi e i linfodrenaggi, o le analisi del sangue più test delle intolleranze. Qua e là qualche (temutissima) visita andrologica. Poi (tra file interminabili di offerte per un check up stagionale della caldaia), spuntano i controlli al cuore, con tanto di elettrocardiogramma. Tutti a prezzi stracciati.

 
Attenzione anche ad acquistare trattamenti medici o estetici
 
È l'ultima trovata dei siti di social shopping che funzionano “a coupon” con offerte a scadenza: gli iscritti alla newsletter, con un po’ di fortuna, possono ritrovarsi nella casella di posta elettronica proprio il trattamento medico o estetico che da mesi aspettavano di fare, magari in un centro a pochi chilometri da casa. O invogliarsi a provarne uno nuovo. Il costo? Vantaggiosissimo. Quasi ridicolo. E in tempi di crisi, quando prendersi cura del proprio corpo è un lusso da nababbi, cedere è facilissimo. La domanda, però, resta: ma perché costano così poco? A rivelare qualche piccola falla nel sistema della “salute in saldo” è una recente indagine dell'associazione dei consumatori Altroconsumo: sono più di centotrenta le segnalazioni per trattamenti medici ed estetici acquistati su Groupon, Groupalia, Poinx e Letsbonus e di fatto quasi impossibili da prenotare, poco accurati oppure di durata inferiore al previsto. In generale sembrano più fortunati gli acquirenti di prestazioni mediche low cost: gli ambulatori sono moderni e puliti e i professionisti scrupolosi. Ma di quel check up cardiologico a 19 euro avevano davvero bisogno? (mg)

Articolo pubblicato il 29 agosto 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus