Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Siracusa - Falde acquifere inquinate, sindaco di Melilli indadato
di Redazione

Giuseppe Cannata non avrebbe bloccato per tempo il prelevamento dai pozzi

Tags: Melilli, Inquinamento, Giuseppe Cannata



MELILLI (SR) - Al termine delle indagini sulla contaminazione delle falde acquifere è stato notificato da agenti di Polizia un avviso di conclusione delle indagini preliminari per il reato di omissione di atti d'ufficio al sindaco di Melilli, Giuseppe Cannata, 63 anni. Il primo cittadino è accusato di aver omesso di adottare un provvedimento urgente a tutela della salute pubblica di interdizione del prelevamento dell'acqua dei pozzi presenti nella zona.

La vicenda risale ai mesi scorsi, quando nella frazione di Città Giardino – area che ricade nel territorio comunale di Melilli ma contigua a Siracusa e a ridosso del polo petrochimico - venne rilevata la contaminazione delle falde acquifere da idrocarburi. Da qui l'invito rivolto dalle Autorità al sindaco di Melilli affinché emettesse un provvedimento di interdizione del prelevamento dell’acqua dei pozzi presenti nella zona contaminata. Indicazione che, a giudizio degli investigatori – il lavoro dei quali è stato coordinato dal sostituto procuratore della Repubblica di Siracusa Martina Bonfiglio - Cannata avrebbe disatteso.

L'iscrizione nel registro degli indagati è anche scaturita, come hanno chiarito gli investigatori, dalla posizione del primo cittadino quale massima autorità sanitaria del territorio. È in questa veste, infatti, che gli viene attribuita la condotta omissiva alla luce delle reiterate segnalazioni che sarebbero state fatte sia dall'Arpa che dalla Provincia regionale di Siracusa circa la necessità di emettere un'ordinanza che vietasse l'emungimento per via dell'accertato inquinamento della falda idrica.

Le prime segnalazioni da parte di residenti della zona di Città Giardino relativa a forti odori di idrocarburi nei propri pozzi risalgono a gennaio del 2012. Da lì si è sviluppata un'indagine entrata nel vivo la scorsa primavera, quando la Polizia di Priolo accertò che la falda acquifera era stata inquinata da “surnatante di idrocarburi”, vale a dire una spessa patina di sostanza inquinante sopra l'acqua.

Il mancato stop all'emungimento avrebbe causato nel tempo l'estendersi del fenomeno inquinante anche alla luce della particolare conformazione della zona.

Articolo pubblicato il 13 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus