Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Rimpasto in Giunta, via al toto-nomine
di Giovanna Naccari

Pd, Udc, Art. 4 e Drs spingono per i loro rappresentanti politici nell’esecutivo. I nomi più ripetuti in questi giorni: Cracolici e Lupo

Tags: Ars, Rosario Crocetta



Palermo - Dopo le tensioni e il chiarimento tra il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta e il partito democratico, che ha avuto come punto centrale della discussione l’ingresso dei politici in Giunta, si naviga verso il rimpasto. E si cerca di costruire una coalizione più forte a Sala d’Ercole alla riapertura dell’Assemblea regionale siciliana.

Dall’inizio della legislatura, infatti, Crocetta ha avuto un sostegno altalenante dei partiti della maggioranza. E il via libera all’azione politica è avvenuto spesso più sui singoli provvedimenti che sul programma di Governo. In alcune circostanze, in Aula, come nelle commissioni, l’appoggio sulle leggi è arrivato con meno problemi dall’opposizione.

“E’ del tutto evidente, come ha affermato il presidente Rosario Crocetta che i ragionamenti aperti sull’ormai auspicato riassetto di governo regionale debbano comprendere anche i gruppi che, oltre a Pd e Udc, sostengono in parlamento l’azione riformatrice del governatore - affermano Edi Tamajo e Giuseppe Picciolo, segretario regionale e capogruppo all’Ars dei Democratici riformisti per la Sicilia”. E aggiungono: “Era ovvio e ciò emerge dall’aerogramma della composizione dell’Ars, che Drs, Articolo 4 e Megafono, raggiungono la soglia consistente di 20 deputati a sostegno di Crocetta”. I due parlamentari, inoltre, chiedono al presidente “una cabina di regia tra le forze politiche di governo che abbia una supervisione sul programma amministrativo e sugli step di realizzazione dello stesso”.

Per Nino D’Asero, capogruppo del Pdl all’Ars, governo regionale e maggioranza sono “in totale confusione”. Il deputato invita Crocetta a concentrasi sul futuro della Sicilia. “Venga in Aula - dice D’Asero - a riferire, con urgenza, sulla situazione politica e sulle misure che si intendono prendere in merito alle incombenze che gravano sulla nostra Isola”.

Tra queste emergenze ci sono la riforma delle Province “di cui ancora non si ha alcuna notizia”, sostengono i deputati del gruppo Pid Cantiere Popolare Grande Sud all’Ars  - e una “complessiva riorganizzazione del governo dell’area vasta che aveva come suo inizio l’abolizione delle Province regionali e come approdo finale la loro sostituzione con i Liberi consorzi dei Comuni”.

Ma intanto in primo piano rimane il ‘toto-nomine’ nel giro di consultazioni di queste ore tra gli alleati. Pd, Udc, Articolo 4 e Drs spingono per i loro rappresentanti politici nell’esecutivo. Per i democratici in questi giorni sono stati fatti i nomi di Antonello Cracolici, presidente della commissione per la spending review all’Ars e del segretario regionale del partito, Giuseppe Lupo.
In tutto il Paese continua la raccolta delle firme per i referendum promossi dai radicali su giustizia e diritti umani. Oggi a Palermo Salvatore Iacolino, (Ppe), vicepresidente della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni del Parlamento Europeo incontrerà i cittadini assieme ai parlamentari, ai consiglieri e ai dirigenti di Grande Sud. Prevista la presenza di Gianfranco Micchiché, sottosegretario alla Funzione pubblica e leader del partito.

Caltanissetta, invece, ospiterà sabato e domenica i deputati nazionali e regionali del Movimento 5 Stelle, che faranno il punto sulle loro attività istituzionali con i rappresentanti delle categorie produttive e delle istituzioni.

Articolo pubblicato il 13 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Governo Crocetta, prima versione, con Battiato in Giunta
Governo Crocetta, prima versione, con Battiato in Giunta


´╗┐