Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Sequestrati 3,3 mln di euro a due società di trasporti
di Redazione

Due distinte indagini su reati fiscali condotte dalla GdF etnea

Tags: Catania, Guardia Di Finanza



CATANIA - Beni per circa 3.300.000 euro sono stati sequestrati dai militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza etnea a due titolari di altrettante società di trasporti, la Sud trasporti Srl e la Europa trans Srl, nell'ambito di due distinte indagini su reati fiscali. I provvedimenti cautelari sono stati disposti dal gip su richiesta della Procura a seguito di indagini avviate lo scorso mese di agosto.

La Sud Trasporti è stata oggetto di una verifica fiscale che ha consentito di svelare l'esistenza di un vorticoso sistema di fatture false per oltre 5 milioni di euro, emesse da una società “cartiera” di Palermo, la Trasporti e spedizioni. Sono stati denunciati il presidente del Cda e l'amministratore delegato.

L'indagine a carico della Europa Trans ha accertato che nel 2009 e 2010 la società aveva omesso il versamento di imposte e contributi previdenziali e assistenziali. Gli accertamenti, eseguiti dai militari della Guardia di Finanza, hanno consentito di individuare l'amministratore “occulto” della società, che si sarebbe servito di un cittadino cubano, a cui aveva intestato formalmente la gestione.
 
L'attività investigativa ha permesso di segnalare all'Autorità giudiziaria l'esistenza di diversi conti correnti e depositi bancari riconducibili agli indagati, diversi beni mobili e immobili e partecipazioni societarie.
I particolari dell'operazione sono stati resi noti durante una conferenza stampa alla quale ha preso parte, tra gli altri, il procuratore della Repubblica a Catania Giovanni Salvi.

''La Sud trasporti - ha detto Salvi - è un’importante azienda anche per il nome di coloro che la gestiscono. Si tratta degli Ercolano, ma non di quelli condannati per reati mafiosi, con cui hanno un rapporto di parentela. Due degli indagati portano un nome pesante ma non ci sono elementi di collegamento con fatti di criminalità organizzata''.

Articolo pubblicato il 14 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus