Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Tassi dei mutui, l'Ue chiede più chiarezza alle banche
di Filadelfo Scamporrino

Stop dall’Europa ai tassi dei mutui impazziti, ai pignoramenti, alle penali di rimborso anticipato dei finanziamenti immobiliari e alle eccessive commissioni di mora

Tags: Mutui, Unione Europea, Tassi, Pignoramenti, Penali, Finanziamenti Immobiliari, Commissioni Di Mora



Sarà più semplice ottenere mutui ai migliori tassi e più difficile vedersi pignorata la casa se non si onorerà il debito con la banca. È questo l'obiettivo del nuovo pacchetto di misure al vaglio del Parlamento europeo, pensato per introdurre maggiori tutele per le famiglie che stipulano finanziamenti ipotecari per la casa.
 
Le nuove norme vogliono scongiurare che si verifichi nuovamente l'effetto domino dei mutui subprime. La direttiva del Parlamento Ue prevede che tutti gli istituti, da Banca Barclays a Cariparma, prima di concedere il finanziamento ipotecario, debbano seguire un iter standard. Sarà fondamentale fornire al consumatore un modulo che descriva in maniera chiara le modalità di calcolo delle rata e i rischi legati alla stipula di un mutuo nel lungo termine. Inoltre, soltanto in casi estremi le banche potranno procedere con le procedure esecutive contro i clienti morosi.
 
Questo significa che prima di arrivare a tal punto dovrà essere presa in seria considerazione ogni altra soluzione alternativa al pignoramento dell'immobile. Il Parlamento Ue propone anche una stretta sui costi che, nello specifico, prevede sempre zero penalità per il rimborso anticipato dei mutui per la casa, e commissioni di mora per i pagamenti in ritardo delle rate che dovranno essere in linea con quelli che sono i costi effettivi che la banca deve sostenere.
 
Più tutele per i morosi anche in caso di pignoramento e vendita dell'immobile ipotecato che, in base alle nuove norme, dovrà sempre essere ceduto al miglior prezzo. Al mutuatario in questa maniera viene data quanto più possibile la possibilità di coprire la quota di debito residuo dovuta alla banca. 

Articolo pubblicato il 16 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus