Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Allarme edilizia: l’autunno sarà nero
di Redazione

I sindacati denunciano l’indifferenza delle istituzioni: hanno fatto solo grandi dichiarazioni. Cgil, Cisl e Uil: “A giorni in migliaia senza occupazione e abbandonati”

Tags: Edilizia, Catania



CATANIA - “Ci ritroveremo a giorni con migliaia di edili senza occupazione, senza nessun reddito e totalmente abbandonati al loro destino. Sarà un autunno nero. Non possiamo limitarci, seppure si tratti di manifestazioni sincere, al dolore ed alla solidarietà”. Lo scrivono in una lettera aperta i segretari generali degli edili (Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil) di Catania Claudio Longo, Nunzio Turrisi e Francesco De Martino all'indomani delle “dichiarazioni di lutto, sgomento e solidarietà” in seguito al suicidio dell'operaio disoccupato 62enne di Santa Maria di Licodia.

I sindacalisti denunciano l'indifferenza delle istituzioni locali, regionali e nazionali, “'che, al di là delle grandi dichiarazioni, di fatto hanno lasciato il settore nel totale abbandono”.

Le tre segreterie chiedono alle istituzioni di “non tergiversare più e di avviare subito tutti gli atti e adempimenti per fare ripartire le opere pubbliche, senza le quali non si può parlare di sviluppo”. La richiesta é anche quella di una “maggiore determinazione, impegno e responsabilità di tutti. La nostra provincia e la nostra città - scrivono i tre segretari - hanno bisogno di opere infrastrutturali, indispensabili per lo sviluppo e per il rilancio dell'occupazione. Le sole buone volontà e gli annunci non bastano più. Migliaia di lavoratori edili - aggiungono - sono ormai senza lavoro, gli ammortizzatori sociali non bastano e per molti di loro sono in scadenza o peggio ancora, sono già scaduti”.

Le tre sigle rivendicano “il diritto al lavoro, con soluzioni immediate, precise e concrete” sostenendo che “Catania ha bisogno di dare risposte esaurienti” e chiedendo all'amministrazione comunale di comunicare a che punto è l'avvio delle opere edili programmate negli anni scorsi.

Articolo pubblicato il 20 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus