Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sicilia, negativo il bilancio di fine stagione del mercato immobiliare
di Simona Torrettelli

La stagione estiva è appena finita e si iniziano a tirare le somme: mercato delle seconde case in crisi, prezzi ancora in calo e alloggi invenduti

Tags: Mercato Immobiliare, Seconde Case, Prezzi In Calo, Alloggi Invenduti, Mutui Casa, Imu, Rate, Sicilia, Casa.it



Quella del 2013 in Sicilia non sarà ricordata come un’estate calda e non solo per il clima in. A risentire della crisi anche il mercato delle compravendite immobiliari, che quest’anno ha registrato un ulteriore calo del 30% dei volumi rispetto all’anno precedente. Nessun segnale di ripresa soprattutto per le compravendite di seconde case al mare, complice l’innalzamento delle aliquote Imu per le seconde case applicate dai comuni costieri e la difficoltà di ottenere i mutui casa.
 
Il dato sconfortante arriva dal Centro Studi di Casa.it, che conferma il persistere di una contrazione del mercato immobiliare, con un calo di compravendite fino al -35% ad agosto per le seconde case nelle località di mare. Ad essere colpite quasi tutte le regioni italiane, in modo più o meno omogeneo, dalla Sicilia alle isole Eolie, fino alla Liguria, Toscana, Campania e Puglia. I problemi sempre gli stessi della crisi: il calcolo delle rate del mutuo rivela importi impossibili da pagare, e per chi è in affito i canoni di locazione sono troppo alti.
 
Lontani i tempi del boom del mercato, quando la compravendita interessava circa 45 mila abitazioni all’anno. Oggi più della metà delle seconde case restano invendute e quelle che vengono vendute registrano tempi di attesa superiori a 10 mesi. Questo dato riflette la mancanza di richieste e porta all’inevitabile calo dei prezzi di vendita.
 
La discesa dei prezzi, rispetto allo stesso dato di agosto 2012, è stata del -12,6% nominale e fino al -8,7% per gli immobili di pregio. Se gli italiani hanno messo il freno agli acquisti immobiliari, lo stesso non si può dire degli investitori stranieri, che fortunatamente mantengono più alta la domanda di acquisto soprattutto il Sicilia, Sardegna e Puglia.
 
Il Centro Studi di Casa.it ha messo in luce anche la situazione degli affitti al mare. Se a giugno, e fino a metà luglio, la richiesta era stata positiva, già da fine luglio e inizio agosto il mercato ha subito una contrazione del 7%. Nelle isole principali, Riviera Ligure e Toscana, il calo della richiesta di immobili in affitto ha toccato il -13%.

Articolo pubblicato il 23 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐