Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Borsa di studio negata agli studenti ripetenti
di Desirée Miranda

Anno accademico 2013/2014 graduatorie con tanti esclusi. Proteste e ricorsi nella sede dell’Ersu di Catania

Tags: Università, Unict, Ersu



CATANIA - Non c’è nessuna possibilità di entrare in graduatoria per ricevere la borsa di studio per l’anno accademico 2013/2014 per alcuni degli studenti dell’università degli studi di Catania. Quest’anno, infatti, sono cambiati i criteri per l’assegnazione delle borse e perché uno studente sia valutato meritevole deve avere un tot di crediti, non più in base all’anno in cui ci si iscrive, ma a quello di immatricolazione.

Nessuna possibilità dunque per chi ha fatto un anno da ripetente e non ha i crediti richiesti quindi. Una situazione che ha portato gli studenti a protestare nella sede dell’Ente regionale per il diritto allo studio universitario di Catania e qualcuno ha anche fatto un ricorso al Tar. “Questo significa ledere il nostro diritto allo studio”, lamentano. Dagli uffici dell’Ersu però, dicono che non possono fare nulla. “Il bando per quest’anno è stato già pubblicato e non può essere modificato”, riferisce Giuseppe Sciuto, responsabile delle due unità operative dell’Ersu catanese.
 
Qualche settimana fa, a seguito di proteste da parte degli studenti, Sciuto aveva palesato la possibilità di fare presentare lo stesso la domanda agli esclusi “ingiustamente”, secondo i ragazzi. Era stato promesso loro un nuovo link per registrare la propria domanda, ma in realtà non è mai stato attivato e non è possibile completare la procedura telematica standard perché il sistema la chiude solo se vengono rispettati tutti i parametri richiesti. Lo scorso 30 settembre sono scaduti i termini per la presentazione della domanda, così alcuni sono rimasti fuori e non riceveranno nessuna borsa di studio per l’anno accademico che sta per iniziare.

“È assurdo – dice una studentessa davanti la sede dell’Ersu durante una delle proteste – chi non riesce a rispettare i tempi di studio dovrebbe essere aiutato i più invece che lasciato a se stesso”. Nessuna borsa dunque, ma sembra che dall’Ersu etneo vogliano in qualche modo aiutare i propri studenti seppure non nei termini da loro richiesti. “Faremo una sorta di bando per dare agli esclusi dalle borse la possibilità di entrare in graduatoria per il tesserino mensa e i posti letto. Certo,  - continua -  i parametri richiesti dal bando dovranno comunque essere rispettati perché non possiamo fare disparità di trattamento”.
 
Seppure pochi per la popolazione studentesca, infatti, poiché alcuni obsoleti e/o relativamente distanti dalle sedi universitarie vengono scartati per preferire una camera in affitto. Inoltre, spesso accade che vengano assegnati in ritardo rispetto all’inizio dell’anno accademico, così molti hanno già trovato una soluzione alternativa. “Non quest’anno”, promette però il responsabile dei servizi agli studenti dell’Ersu etneo. “Tra massimo una decina di giorni – dice - saranno pubblicate le graduatorie”.

Articolo pubblicato il 02 ottobre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus