Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Finanziamenti agevolati per le imprese in rosa con il microcredito
di Filadelfo Scamporrino

L'Ente Nazionale per il Microcredito promuove finanziamenti agevolati per le donne, progetto del Ministero del Lavoro per aumentare l'occupazione femminile

Tags: Finanziamenti Bancari, Microcredito, Ministero Del Lavoro



Incentivare l'occupazione femminile al di sotto dei 25 anni, consolidare le imprese in rosa esistenti, ed aiutare le donne sopra i 35 anni a reinserirsi nel mondo del lavoro. Sono questi gli obiettivi di Microcredito e donna, il progetto per l'occupazione femminile del Ministero del Lavoro che, con le domande presentabili entro il 30 novembre del 2013, prevede la concessione di finanziamenti bancari agevolati attraverso l'erogazione di contributi.
 
Entro i termini sopra indicati le imprenditrici possono ottenere questi prestiti da grandi banche come Intesa Sanpaolo o UniCredit a fronte della presentazione di progetti la cui durata non potrà comunque essere inferiore ai due anni.
 
La ripartizione delle risorse avverrà attraverso un'apposita graduatoria che darà priorità ai progetti di micro imprese femminili con contributi concedibili che partono da 60 mila euro, mentre per tutti gli altri casi il massimale finanziabile per il progetto presentato è di 25 mila euro.
 
L'iniziativa del Ministero del Lavoro viene promossa attraverso “Riparti da te! Bella impresa essere donna”, una campagna informativa che mira a far conoscere le opportunità che ci sono per le donne per avviare nuove attività.
 
La campagna relativa al progetto per l’occupazione di Microcredito e donna è stato presentato lo scorso 30 settembre dall'ENM, l'Ente Nazionale per il Microcredito che ha come obiettivo, tra gli altri, proprio quello di sostenere la microfinanza ed in particolare l'accesso al credito per quei soggetti che, altrimenti, sarebbero esclusi dal circuito bancario per i prestiti.

Articolo pubblicato il 11 ottobre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐