Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

I Beni culturali non cercano i mecenati
di Claudia Cal├Č

Teatro antico di Taormina, Torre Cabrera & Co.: Assessorato e Sovrintendenze ignorano la Legge 35/12. Solo 3 interventi dei privati in tutta l’Isola mentre centinaia di tesori sono a rischio

Tags: Regione Siciliana, Beni Culturali



PALERMO - Una piccola scritta sul ponteggio della Cattedrale spiega che la pubblicità serve anche a pagare il restauro del monumento. Un primo segnale, decisamente tardivo, che prende spunto da disposizioni nazionali risalenti a febbraio 2012. La Regione e le nove soprintendenze sono ancora molto lontane dalla completa attuazione della legge 35/2012, ovvero la disposizione che istituisce e regola la figura dei mecenati, sponsor privati che investono risorse finanziarie al fine di lucrare dall’associazione fra il proprio nome e l’iniziativa sponsorizzata.
Diversi i vantaggi per il governo nazionale e per le amministrazioni locali: sbloccare l’immobilismo delle pubbliche amministrazioni, soprintendenze, Comuni e Regioni, che hanno in gestione il patrimonio pubblico al fine di tutelare e valorizzare i beni culturali mediante l’apporto dei privati. (continua)

Articolo pubblicato il 17 ottobre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐