Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bianchi mente sa dove tagliare
di Carlo Alberto Tregua

Basta spese clientelari

Tags: Luca Bianchi, Legge Di Stabilità



L’assessore regionale Luca Bianchi è disperato perché oltre a dover tagliare, dice lui, 900 mln € dalle spese, ne dovrebbe tagliare altri 200 per effetto della misteriosa Legge di Stabilità, di cui ancora non si riesce ad avere il testo definitivo.
Stimiamo Bianchi, ma per amore della verità dobbiamo affermare che egli mente, perché essendo un competente sa benissimo dove e come tagliare la spesa regionale improduttiva e clientelare. Né può ignorare l’elenco dei tagli pubblicati più volte su queste pagine da oltre un anno e mai da lui smentito.
Il suo problema, probabilmente, non riguarda solo le proprie dimissioni che dice di dare ma poi non dà, secondo il ridicolo rituale dei politicanti, bensì il fatto che egli non sia in condizione di tagliare, senza incidere sull’efficienza dei servizi sociali, ma solo sugli apparati, perché il presidente della Regione e i partiti della ondeggiante coalizione glielo impediscono.

Facciamo alcuni esempi addizionali ai tagli proposti, ancora oggi pubblicati. Taglio di 100 mln € per la dotazione dell’Assemblea regionale, in modo che il costo per il suo sostentamento sia di poco superiore a quello del Consiglio regionale della Lombardia (quindi 64 rispetto a 55 mln €). Taglio di tutte le auto blu della Regione e dei Comuni (diminuendo i trasferimenti), con un articolo da inserire nella Legge di Stabilità, il quale disponga che tutti gli enti pubblici della Regione non possano avere né auto blu, né bianche, ma debbano utilizzare obbligatoriamente ed esclusivamente i taxi.
Taglio degli stipendi dei dipendenti regionali, riportandoli a quelli dei dipendenti statali (circa un terzo in meno). Contributo di solidarietà sulle pensioni regionali, pari alla differenza con quelle degli statali.
Al riguardo, continua a permanere lo scandalo del segretario generale dell’Ars (non importa come si chiami), che va in pensione a soli 57 anni, contro i 66 per tutti gli altri dipendenti pubblici, con una buonuscita di 1,5 mln € e una pensione annua di circa 500 mila €. Sembra strano che non si è levata una voce da parte dei sindacati, né delle organizzazioni imprenditoriali, e neppure, vedi caso, dei grilletti. Tutti conniventi?
 
Poi, occorre inserire nella Legge di Stabilità una norma che costringa tutte le amministrazioni regionali e locali a redigere il Piano aziendale, l’unico strumento che consente di determinare il vero fabbisogno del numero dei dipendenti e dirigenti, nonché dei loro profili professionali.
Se così facessero tali amministrazioni, emergerebbe un esubero di oltre 30 mila dipendenti e dirigenti. Per essi, la stessa norma dovrebbe prevedere la cassa integrazione, alle stesse condizioni del settore privato, perché ovviamente tutte queste persone inutili ai servizi non possono essere mandate a casa.
E continuiamo. Nella Legge di Stabilità dovrebbe essere inserita un’altra norma che obblighi qualunque amministrazione regionale e locale ad acquistare beni e servizi a prezzi non superiori a quelli Consip, annullando per legge qualunque gara pubblica i cui prezzi risultassero superiori.

Vi è poi da fare un taglio nella sanità: 400 mln € di farmaci in più rispetto alla media nazionale e almeno 400 mln € dall’efficientamento (brutto neologismo) delle Aziende ospedaliere e delle Asp.
Al riguardo, abbiamo notizia che una Fondazione sta riunendo i soggetti che operano nella sanità e le associazioni dei consumatori, per proporre un ricorso all’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, affinché accerti se la sanità pubblica si trovi in posizione dominante rispetto a quella privata, con ciò violando il principio di concorrenza e, contestualmente, il diritto dei cittadini di scegliere dove farsi curare meglio, indipendentemente dal fatto che la struttura sanitaria sia pubblica o privata.
Se tutto ciò diventerà effettivo, la Regione non potrà più mettere un tetto massimo né alla sanità pubblica né a quella privata, perché saranno gli ammalati che, scegliendo le migliori strutture, orienteranno il flusso dei Drg (le fatture delle prestazioni sanitarie), con la conseguenza che le migliori e le più efficienti fattureranno di più, mentre i raccomandati e gli incapaci saranno inesorabilmente messi alla porta.

Articolo pubblicato il 19 ottobre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus