Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Vucciria: “Borgo da vivere” grazie a istituzioni e privati
di Redazione

• Riqualificazione e valorizzazione di una grande area da pedonalizzare e trasformare nel cuore pulsante della città • Nessun esborso per il Comune, che dovrebbe soltanto cercare i soggetti interessati al progetto • Ampliare ulteriormente il lavoro che l’amministrazione Orlando ha portato avanti con piazza San Domenico • La città e i suoi abitanti giocano un ruolo fondamentale: occorre pensare all’interesse collettivo e non a quello particolare

Tags: Palermo, Leoluca Orlando, Vucciria



PALERMO – L’isola pedonale di piazza San Domenico è stata per molte settimane al centro del dibattito cittadino. L’istituzione del divieto di transito ai mezzi motorizzati decisa dall’amministrazione guidata dal sindaco Leoluca Orlando ha scatenato le reazioni – in qualche occasione anche incivili – di residenti e commercianti, i quali hanno provato a opporsi in tutti i modi a questo cambiamento. Una decisione che è andata anche a sconvolgere i piani dei tanti posteggiatori abusivi presenti in zona – piazza San Domenico è stata per lungo tempo utilizzata come area di sosta per le macchine - i quali, come accennato, hanno dato vita a una deprecabile protesta in cui sono stati distrutti gli arredi piazzati lì dall’Ente comunale (e quindi pagati da tutti i cittadini palermitani).

Bene ha fatto il sindaco a condannare duramente questi episodi di inciviltà, a non tornare sui suoi passi e a non distogliere lo sguardo dall’obiettivo principale: valorizzare e rilanciare una delle aree più belle del capoluogo siciliano.
Quest’ultima è proprio la strada che vuole percorrere il QdS, alzando però la posta per dare vita a un’iniziativa che favorisca i flussi turistici attratti da edifici storici, stradine uniche al mondo e chiese dall’enorme bellezza. Come già fatto per Catania – con la zona della Civita – il nostro quotidiano vuole adesso lanciare un appello rivolto alle istituzioni e alle associazioni palermitane, con l’obiettivo di trasformare tutta la zona della Vucciria in un “Borgo da vivere”.

Non soltanto l’area di piazza San Domenico: andrebbe chiusa al traffico tutta l’area circoscritta nella foto allegata all’articolo – via Roma da via Valverde a corso Vittorio Emanuele, con via dei Materassai a chiudere la parte Est di questo immaginario confine - in modo da permettere a cittadini e turisti di passeggiare in totale libertà, ammirando palazzi, strade e botteghe senza doversi preoccupare di auto e moto. Un luogo in cui perdersi fra storia e tradizione, nel cuore pulsante della città.
Vista l’attuale situazione economica, è difficile che il Comune possa farsi carico di un’iniziativa di questo tipo. Ecco perché dovrebbero essere coinvolti i soggetti privati – una Fondazione ha già dato la propria disponibilità in tal senso - cui dovrebbe spettare il compito di investire nella zona in questione per riqualificarla e rilanciarla.

La chiesa di San Domenico, lo storico mercato della Vucciria, le botteghe di via Roma e corso Vittorio Emanuele sono soltanto alcuni dei punti d’interesse dell’area che secondo noi andrebbe delimitata. Un “Borgo da vivere”, come detto, per avere l’occasione di riscoprire la città tramite una formula che, ovviamente, potrebbe essere applicata anche ad altre zone del capoluogo.
Alle istituzioni spetta soltanto il compito di trovare i soggetti interessati ad aderire a un’iniziativa di questo genere – lo ripetiamo, qualcuno ha già dato al QdS la propria disponibilità – ma saranno poi i privati a investire. Ai cittadini, invece, spetterà forse il compito più arduo: favorire il cambiamento in nome dell’interesse collettivo e non di quello particolare. L’unico modo per competere, dal punto di vista turistico, con le grandi città d’Europa.

Articolo pubblicato il 22 ottobre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus