Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Nel 2013 risparmi per oltre 7 miliardi. La Consip punta a parametrare i tagli
di Redazione

L’ad della società per gli acquisti centralizzati, Domenico Casalino
 

Tags: Consip, Domenico Casalino, Spending Review



ROMA - “Puntiamo a superare del 20% i risparmi ottenuti nel 2012, 6,150 miliardi”, (cioè poco sopra 7 miliardi) sui 30-40 miliardi di spesa pubblica “presidiata”. Questo l'obiettivo 2013 illustrato durante un Forum all’Ansa dell'ad di Consip, la società per gli acquisti centralizzati della P.a. controllata dal Tesoro, Domenico Casalino.

Una cifra di tutto rispetto che si aggiunge alla “valanga di risparmi” - come la definisce lo stesso Casalino - che Consip ha realizzato dalla sua nascita, nel 2000: ovvero 36 miliardi in tutto. Ma - avverte l'amministratore delegato - “i margini per spendere meglio sono molto ampi”.
 
E in questo senso Casalino ribadisce la “totale disponibilità” a lavorare a fianco del neo commissario alla Spending review, Carlo Cottarelli e annuncia che già da lunedì prossimo un dirigente Consip sarà al tavolo degli esperti che si riunirà al Tesoro. Infatti entro metà mese arriveranno le prime linee operative. Ma affinché la nuova stagione della spending vada in porto bene - spiega Casalino - “serve una condivisione forte ai più alti livelli” istituzionali. Questo anche se “Cottarelli che ho già incontrato due volte ha una consapevolezza molto forte di cosa serve per razionalizzare il nostro sistema”.

Il compito di Consip - spiega comunque l'ad - non è semplice, soprattutto in un momento come questo nel quale tutto guardano al taglio della spesa per individuare risorse fresche da destinare alla riduzione del carico fiscale ed in ultima analisi alla ripresa: “il bilancio pubblico è fatto per il 78% di trasferimenti - spiega - i risparmi, con acquisti migliori, si possono fare ma il problema è poi come tradurli in riduzione di spesa. In passato si è agito con riduzioni lineari della spesa ora si cerca di non procedere appunto in maniera 'lineare ma di parametrare i tagli”. Operazione complessa e infatti “la ricerca è ancora in corso”.
 
E un altro punto di attenzione è quello del rapporto tra la Consip e le centrali acquisti che la legge (con la riforma del Titolo V) riconosce come autonome nelle scelte sul mercato: “Proprio lunedì prossimo - spiega Casalino - incontreremo le centrali acquisti regionali per fare un punto operativo della situazione e vedere come procedere nel 2014”.

Articolo pubblicato il 07 novembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Domenico Casalino, l'ad di Consip, la societ per gli acquisti centralizzati della P.a. controllata dal Tesoro
Domenico Casalino, l'ad di Consip, la societ per gli acquisti centralizzati della P.a. controllata dal Tesoro