Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Anche l’edilizia scolastica nella Legge fare
di Andrea Carlino

In Sicilia arrivano 16 dei 150 milioni stanziati. Interventi urgenti per la messa in sicurezza degli edifici, il ministro Carrozza ha firmato il decreto. Isola seconda beneficiaria saranno soffisfatti i progetti immediatamente cantierabili presentati dai Comuni tramite le Regioni

Tags: Edilizia, Scuola, Maria Chiara Carrozza



CATANIA - Il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza, ha firmato il decreto 906/2013 che assegna alle Regioni i primi 150 milioni di euro per interventi urgenti per la riqualificazione e la messa in sicurezza delle scuole statali. Lo stanziamento è stato deciso con il Decreto Fare (DL 69/2013 convertito nella Legge 98/2013) e consentirà la realizzazione di 692 interventi, di cui 202 (il 29%) esclusivamente per la bonifica delle strutture dall’amianto. Le quote più consistenti dei finanziamenti vanno alla Campania (18 milioni), alla Sicilia (16 milioni), alla Lombardia (15 milioni), al Lazio (14 milioni), alla Calabria (13 milioni), alla Puglia (12 milioni), alla Toscana e al Veneto (10 milioni ciascuna).

“Sono soddisfatta - sottolinea il ministro Carrozza - perché abbiamo già provveduto in tempi rapidi e coinvolgendo i governi regionali a mettere in atto una delle azioni più importanti previste nel decreto del Fare. L’edilizia scolastica, come dichiarato all’inizio del mio mandato, rappresenta una delle priorità del Governo Letta. Quando c’è determinazione e condivisione si riescono a organizzare i livelli di governo nell’interesse della scuola e del Paese”.

I fondi saranno destinati ad interventi urgenti per la messa in sicurezza delle scuole e la loro riqualificazione, soprattutto per gli istituti dove è presente l'amianto.

Entro lo scorso 15 ottobre, le Regioni hanno presentato al ministro dell’Istruzione una graduatoria di interventi immediatamente cantierabili, in ordine di priorità. Le Regioni hanno ricevuto dagli enti locali 3.302 richieste di intervento, di cui 2.515 ammissibili al finanziamento. Grazie ai 150 milioni stanziati per le urgenze saranno avviati già 692 interventi, ovvero il 27,5% del totale di quelli ammissibili al finanziamento. A questa cifra, come previsto sempre dal Decreto Fare, si affiancheranno, nel triennio 2014/2016, altri 300 milioni di euro destinati tramite l’Inail all’edilizia scolastica.

Inoltre il recente Decreto Scuola ha previsto lo stanziamento di 800 milioni di euro. Ora spetterà agli enti locali beneficiari dei finanziamenti provvedere alle gare per l’affidamento dei lavori che andranno aggiudicati entro il 28 febbraio 2014, pena la revoca delle risorse stanziate. Per rendere rapide le procedure di realizzazione degli interventi sindaci e presidenti di Provincia operano come commissari straordinari.

Articolo pubblicato il 15 novembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus