Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Assicurazione Rc Auto, ecco le migliori per chi vive in Sicilia
di Jessica Marzella

È risaputo: le città del sud pagano cifre più alte per la polizza assicurativa dell’auto. Come fare per risparmiare confrontando online le migliori assicurazioni

Tags: Palermo, Linear, Quixa, ConTe.it, Polizze, Direct On Line, Generali, Incidenti, Furti, Costi, Sicilia, Città, Sud, Assicurazioni, Rc Auto, Catania



Da molto ormai le associazioni dei consumatori denunciano un netto divario tra i costi delle assicurazioni auto stipulate nelle città del centro nord e quelle del centro sud, dove i prezzi delle polizze raggiungono prezzi da capogiro. Colpa delle ipotesi sui rischi di furti e incidenti, che per chi in queste città sarebbero più alti.
 
Chi vive in queste città, come Palermo o Catania, deve quindi porre ancora più attenzione alla questione del risparmio sulle polizze assicurative, informandosi preventivamente sulle offerte delle varie compagnie assicurative, dalla società online Direct Line a quelle tradizionali come Assicurazioni Generali. Il miglior modo per risparmiare, in questo come in molti altri campi, è confrontare le varie offerte disponibili sul mercato e cercare quella più adatta alle proprie esigenze.
 
Proprio le nostre esigenze, infatti, devono essere la “guida” per effettuare un confronto efficace e vantaggioso Ad esempio, se usiamo la macchina solo per brevi tragitti oppure poche volte l’anno, potrebbe essere conveniente orientarsi verso una polizza a chilometraggio, che permette di risparmiare: basterà installare sulla propria vettura la cosiddetta scatola nera per tenere sotto controllo i chilometri percorsi e stare attenti a non eccedere rispetto ai limiti stabiliti.
 
Oppure, se è vero che le polizze online fanno risparmiare, in quanto eliminano molti costi di gestione, è altrettanto vero che per poterle “amministrare” è necessario possedere dimestichezza nella navigazione in rete. Se non ci si sente ferrati in questo ambito, potrebbe essere più opportuno rivolgersi a una compagnia tradizionale. Proviamo quindi ad effettuare un confronto per trovare la polizza auto più conveniente per un assicurare un’utilitaria il cui proprietario abbia una classe di merito due. Inseriamo questi dati nel comparatore online SuperMoney e procediamo nella simulazione, considerando sia la città di Catania che Palermo.
 
Per chi vive a Palermo la polizza attualmente più conveniente è quella proposta da Direct Line, che prevede una premio annuale di 474,90 euro. L’emissione della polizza avviene nella 24 ore successive alla stipula del contratto. A seguire troviamo la proposta di ConTe.it, compagnia assicurativa online appartenente al gruppo Admiral. Il premio ammonta a 486,02 euro annui, ma se si decide di pagare la rata tramite carta di credito si può ottenere uno sconto del 10%. Anche in questo caso la polizza viene emessa nell’arco di 24 ore. Infine troviamo la polizza assicurativa della compagnia online Quixa, il cui premio ammonta a 521,99 euro all’anno.
 
A Catania, invece, la polizza più conveniente è quella di ConTe.it: il premio ammonta a 500,59 euro annui. A parte il prezzo, leggermente più alto, le condizioni sono le stesse descritte per Palermo: la polizza viene emessa nell’arco di 24 ore dalla stipula e si può ottenere uno sconto del 10% qualora di decidesse di pagare la rata del premio con la carta di credito. I Catanesi possono poi scegliere la compagnia assicurativa Direct Line, che propone una polizza con un premio che ammonta a 536,07 euro. Infine troviamo la proposta di Linear, con un premio di 753,84 annui. L’emissione della polizza è immediata. Inoltre è inclusa nella polizza l’opzione “Guida Libera”, che prevede il rimborso anche in caso a guidare l’auto non sia il suo proprietario o intestatario della polizza.

Articolo pubblicato il 21 novembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus