Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sud più “costoso”. I dati distinti per settore formativo
di Michele Giuliano



Parlando più in generale nelle Regioni del Mezzogiorno la formazione costa di più, rispetto a quelle del Centro Nord (9,8 euro rispetto a 7,8). Secondo quanto ha potuto constatare dalla sua ricerca analitica l’Isfol le varie filiere formative implementate nel corso della programmazione 2000-06 di Fse hanno costi molto diversificati tra loro. A livello nazionale, la formazione all’interno dell’obbligo formativo, quella all’interno dell’obbligo scolastico e gli Iftts hanno un costo medio ora allievo compreso tra i 5,5 ed i 6,9 euro, mentre la formazione permanente, quella per la creazione di impresa e quella per gli occupati registrano i costi più elevati che oscillano tra i 10,5 ed 15 euro ora per destinatari (le altre filiere formative sono invece caratterizzate da costi medi vicini agli 8 euro). Tutti parametri che comunque, confrontati con quelli siciliani, sono nettamente inferiori e questo fa capire che qualcosa evidentemente nel sistema non funziona.

Articolo pubblicato il 15 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Formazione costosa e sempre inutile -
    Formazione. Corsi lontani dal mercato non fanno trovare lavoro.
    I costi del 2008. Nell’Isola nel 2008 sono stati attivati 2 mila 514 corsi con 31 mila e 918 iscritti. Nel 2008 sono stati effettuati pagamenti per complessivi 362 milioni 896 mila e 566,99 euro.
    Aumenti. Rispetto al 2007, quando i pagamenti erano ammontati a 302 milioni e 945 mila euro, la spesa è lievitata di circa 60 milioni, pari a un +20%, mentre è diminuito del 18% il numero dei corsi.
    (15 settembre 2009)
  • Sud più “costoso”. I dati distinti per settore formativo - (15 settembre 2009)
  • Il 30% si ritira prima della fine del corso -
    Indagine fatta a campione su 2.324 corsisti iscritti a 141 corsi. Solo l’8% ha trovato un lavoro “coerente” con il corso
    (15 settembre 2009)
  • Un cambio di rotta per il Prof del 2010 -
    Una formazione ancora troppo lontana dal mercato del lavoro. Servono saldatori, elettricisti, idraulici, operatori del turismo
    (15 settembre 2009)


comments powered by Disqus