Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Abolire l’autonomia dei privilegi
di Patrizia Penna

Ai regionali premi senza risultati e pensioni 4 volte i contributi; stabilizzazioni senza concorsi e record di partecipate. Bilancio Regione 2014: tagliare i favori ai raccomandati per 3,6 miliardi

Tags: Partecipate, Regione Siciliana



Autonomia speciale, ovvero competenza esclusiva su una serie di materie, tra cui beni culturali, agricoltura, ambiente, pesca, enti locali, territorio, turismo, polizia forestale. Ma la nostra Isola non conosce in tutte queste materie una situazione di prosperità e benessere, nonostante sia molto dotata sia per la posizione geografica che per le civiltà e gli insediamenti che l’hanno caratterizzata storicamente, rendendola la regione dove si trova la più alta percentuale di beni archeologici di tutta Italia. Ebbene autonomia speciale ha significato in oltre sessant’anni un accumulo di privilegi per pochi a partire dai consiglieri regionali che da noi si chiamano deputati e sono equiparati per il trattamento economico ai senatori, per passare ai consiglieri comunali in esubero, tanto da costarci 140 milioni in più solo con le ultime elezioni del 2012 e 2013, rispetto alla riduzione del loro numero possibile applicando le leggi nazionali. (continua)

Articolo pubblicato il 23 novembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus