Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Un cambio di rotta per il Prof del 2010
di Michele Giuliano

Una formazione ancora troppo lontana dal mercato del lavoro. Servono saldatori, elettricisti, idraulici, operatori del turismo

Tags: Luigi Gentile, Raffaele Lombardo



PALERMO - I costi effettivamente sono troppo alti. Non si scopre nulla di nuovo sotto il sole anche se probabilmente le statistiche raffrontate dallo studio dell’Isfol hanno messo a nudo una realtà ancora più incredibile di quella che ci si aspettava. L’assessore regionale alla Formazione professionale, Luigi Gentile, si è da poco insediato in questa carica anche se sembra avere le idee già abbastanza chiare. Si rende anche conto che la soluzione adottata nel giugno scorso dal Presidente della Regione, Raffaele Lombardo, di approvare lo stesso piano formativo dello scorso anno per i percorsi del Prof 2009 non è stata una soluzione ottimale: “Ma di contro – sottolinea Gentile – bisogna anche dare delle risposte concrete. Si trattava di una scelta quasi obbligata in quanto l’intero settore era completamente bloccato e a quest’ora non sarebbero ancora partite le attività formative del 2009 e per di più tutti gli operatori del settore non avrebbero percepito lo stipendio”. Adesso però garantiscono dal governo siciliano un chiaro cambio di rotta: “Abbiamo il tempo per il varo del Prof 2010 – aggiunge l’assessore – di valutare nuovi percorsi per garantire una più efficiente qualità della formazione professionale”.

Alle critiche piovute dall’opposizione all’Ars, che ha accusato il governo siciliano di avere avallato le scelte gestionali passate che erano già state valutate negativamente, Gentile risponde così: “Punteremo – precisa – su una formazione che garantisca l’immissione sul mercato di professionalità che servono realmente. Sicuramente servono saldatori, operai, elettricisti, idraulici ed operatori del turismo”.

Articolo pubblicato il 15 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Formazione costosa e sempre inutile -
    Formazione. Corsi lontani dal mercato non fanno trovare lavoro.
    I costi del 2008. Nell’Isola nel 2008 sono stati attivati 2 mila 514 corsi con 31 mila e 918 iscritti. Nel 2008 sono stati effettuati pagamenti per complessivi 362 milioni 896 mila e 566,99 euro.
    Aumenti. Rispetto al 2007, quando i pagamenti erano ammontati a 302 milioni e 945 mila euro, la spesa è lievitata di circa 60 milioni, pari a un +20%, mentre è diminuito del 18% il numero dei corsi.
    (15 settembre 2009)
  • Sud più “costoso”. I dati distinti per settore formativo - (15 settembre 2009)
  • Il 30% si ritira prima della fine del corso -
    Indagine fatta a campione su 2.324 corsisti iscritti a 141 corsi. Solo l’8% ha trovato un lavoro “coerente” con il corso
    (15 settembre 2009)
  • Un cambio di rotta per il Prof del 2010 -
    Una formazione ancora troppo lontana dal mercato del lavoro. Servono saldatori, elettricisti, idraulici, operatori del turismo
    (15 settembre 2009)


comments powered by Disqus
Luigi Gentile, assessore regionale alla Formazione professionale
Luigi Gentile, assessore regionale alla Formazione professionale