Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Posti col contagocce nei nido tutti contro l’amministrazione
di Luca Insalaco

Un’altra storia, parte del Pdl e Mpa hanno contestato il modo con cui è stata gestita la questione. Posti col contagocce nei nido

Tags: Giulio Tantillo, Mimmo Russo



PALERMO – Gli asili nido riaprono, ma per un bambino su due non c’è posto. L’inizio dell’anno scolastico mette in luce annosi ritardi e croniche povertà nel campo dell’istruzione. Per un esercito di precari in rivolta in questi giorni contro i tagli alla scuola, in città c’è un plotone di bambini da zero a tre anni alla ricerca di compagni di giochi.
Sono 24 gli asili nido comunali, con una disponibilità ricettiva di 980 posti. Le domande presentate sono state il doppio: 1808, di cui 828 valide ma non accolte per mancanza di posti. Inoltre, 28 bimbi sono stati esclusi dopo che i genitori avevano presentato la domanda per due asili. Quasi il 50% dei genitori dovrà quindi rivolgersi alle strutture private, sempreché, naturalmente le finanze familiari glielo consentano.

“È una situazione incresciosa, volutamente creata da questa amministrazione comunale che non ha i soldi per fare la manutenzione ordinaria e straordinaria degli asili, preferendo abbandonarli perdendo così strutture capienti. Non c’è la volontà di investire nel sociale e in questo modo si abbandona il cittadino al privato”, accusa Nadia Spallitta, consigliera comunale del gruppo Un’Altra Storia. “Che fine hanno fatto i 5 milioni di euro assegnati dal Ministero degli Interni con la legge 285?”, si chiede Giovanni Greco. Potrebbero essere impiegati anche per gli asili nido”, suggerisce il consigliere del Pdl.
“Il Comune non utilizza i fondi Cipe per rimettere in sesto tutti gli immobili dismessi e li butta nel buco nero dell’Amia. I cittadini hanno bisogno di servizi e strutture che funzionano: gli asili nido sono un’esigenza”, osserva dal canto suo il capogruppo dell’Mpa, Mimmo Russo.

È di tutt’altro avviso il capogruppo del Pdl a Sala delle Lapidi, Giulio Tantillo: “L’asilo nido – dice - non è scuola dell’obbligo, per cui il Comune non è tenuto a garantire i posti per tutti i richiedenti. L’amministrazione comunale può al massimo individuare l’area dove realizzare la struttura ma poi è competenza della Regione costruirla”.
Le graduatorie per accedere ai nidi sono predisposte sulla base di particolari requisiti tra i quali: situazioni familiari di disagio segnalate dal servizio sociale, dalle Asp o dal Tribunale; bambini disabili, orfani o figli non riconosciuto dal genitore; trasferimenti da un nido ad un altro di bambini frequentanti; figli di disoccupati o bambini appartenenti a famiglie composte da più di 5 persone.
 

 
Confronto. Il capoluogo siciliano e le altre città
 
PALERMO – Uno studio sul fabbisogno scolastico, diffuso di recente dal Partito democratico, ha relegato la città di Palermo in fondo a tutte le graduatorie stilate sulla base di alcuni indicatori quali il rapporto tra residenti e domande soddisfatte, la spesa per residente e l’indice medio di soddisfazione della domanda per i posti in asilo.
A Bologna per ogni mille abitanti vengono soddisfatte 215 domande per i nidi pubblici, a Firenze 170, a Venezia 200, a Trento 220, a Roma 150, a Genova 145. Palermo si piazza inoltre al penultimo posto tra i comuni sotto la media nazionale, identificata in 146 domande ogni mille residenti.
La Giunta comunale, inoltre, nei mesi scorsi ha ritoccato al rialzo le rette per gli asili e le tariffe per la refezione scolastica. “Per la retta degli asili nido – ha detto il capogruppo del Pd, Davide Faraone - vengono aumentate le tariffe riferite alla prima fascia di reddito, lasciando invariate le altre”.

Articolo pubblicato il 15 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus