Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ars: concluse le audizioni delle partecipate
di Raffaella Pessina

Convocate presso la commissione Attività produttive dal presidente Caputo. Adesso dovrà essere elaborato il dossier per il Governo

Tags: Partecipate



PALERMO - Si sono concluse ieri nella mattinata le audizioni in commissione Attività Produttive dell’Assemblea regionale dei presidenti e dei consiglieri di amministrazione delle Società a partecipazione regionale. Il Presidente della Commissione Salvino Caputo (Pdl) ha personalmente rivolto le domande agli interessati soffermandosi sulle caratteristiche finanziarie degli enti. Ai rappresentanti infatti è stato chiesto quanti dipendenti erano in forze alle Società, di che entità era stato il finanziamento fornito dalla Regione e che percentuale in termini di ritorno economico poteva contare l’Amministrazione regionale.

“Al termine delle audizioni consegneremo al Presidente dell’Ars, Francesco Cascio e al Presidente della Regione un dossier sulla situazione economica e funzionale delle Società – ha dichiarato Salvino Caputo – Questo al fine di valutare le iniziative da adottare nel contesto della anticipata volontà del Governo di procedere ad una verifica sull’effettiva utilità di alcune di queste società”. In realtà prima verrà sottoposta una relazione ai componenti della Commissione stessa, dal cui esame potrebbero addirittura scaturire due relazioni, una di maggioranza e una di opposizione.

In merito al contenimento dei costi delle società partecipate era già stata emessa una circolare dall’assessorato Bilancio in data 14 maggio 2008 che regolamentava il numero dei consigli di amministrazione ed i relativi compensi per ridurne i costi di gestione.  Ieri mattina sono stati ascoltati i rappresentanti della società Terme di Sciacca SpA la cui partecipazione regionale è pari al 73,29% ed il cui amministratore unico Carlo Turriciano riceve come compenso annuo previsto 40.000,00 euro.

Quindi è stata la volta di Riscossione Sicilia Spa (partecipazione regionale del 36%), i cui rappresentanti hanno spiegato come nel primo quadrimestre del 2009 si siano verificati aumenti del 7,2 e del 7,8 sulle riscossioni erariali e degli enti locali rispetto allo stesso quadrimestre del 2008. Riscossione Sicilia è subentrata alla Montepaschi Serit, il presidente è Domenico Sudano che dal 19 giugno 2008 ha rinunciato agli emolumenti. La società ha 872 dipendenti, ereditati dalla Montepaschi e le ultime assunzioni sono avvenute nel 2002 con la trasformazione a tempo indeterminato di alcuni contratti di formazione lavoro.
 
I consiglieri di amministrazione in quota regionale sono Fausto Desideri (110.000,00 euro all’anno) e Carlo Legaluppi (22.500,00 euro all’anno). Per quanto riguarda l’Irfis, banca del gruppo Unicredit la cui attività creditizia è prevalentemente rivolta a finanziare, con operazioni a medio-lungo termine, i programmi di investimento delle piccole e medie imprese, ha annunciato che è in atto un progetto di piena e totale integrazione nel suo gruppo di appartenenza. Ha un capitale sociale di poco più di  76 milioni di euro, la Regione vi partecipa in ragione del 21% e fra gli azionisti vi sono diverse banche non solo siciliane. Al 31 dicembre 2008 ha avuto una perdita d’esercizio dello stato patrimoniale pari a 94.466 (valori in migliaia di euro). Questi alcuni esempi su cui la commissione dovrà studiare ed esprimere il proprio parere da sottoporre al Presidente della Regione.

Articolo pubblicato il 16 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Le partecipazioni regionali
Le partecipazioni regionali