Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Le Regioni a statuto speciale risultano tutte inadempienti
di Lucia Russo

Dall’ultimo aggiornamento del 14 settembre sul sito internet del ministero. Dai ministeri i dati solo in parte, tranne da quello delle Politiche agricole

Tags: Pa, Trasparenza



ROMA - Alla scadenza del termine ultimo per l’adeguamento, lunedi 14 settembre, sul sito del ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione (www.innovazionepa.it) è apparso un aggiornamento del monitoraggio sullo stato di attuazione delle disposizioni contenute nel primo comma dell’articolo 21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69.

Dai dati raccolti alla data del 14 settembre risulta che i ministeri hanno adempiuto solo parzialmente agli obblighi previsti dalla legge. Molti di questi (Affari Esteri, Interno, Economia e Finanze, Beni Culturali) hanno inserito solo i dati delle retribuzioni del personale dirigenziale. Solo il ministero delle Politiche Agricole ha adempiuto in modo completo agli obblighi previsti dalla legge.

La Corte dei Conti è tra gli organi dello Stato ad osservare l’obbligo di legge.
Per quanto riguarda le Regioni dopo Emilia Romagna, Lombardia e Basilicata che hanno già pubblicato quanto previsto dalla legge, si è aggiunta solo la Campania. Al contrario Calabria, Molise, Marche, Lazio e tutte le Regioni a Statuto speciale non hanno finora reso pubblico alcun dato. Incompleti quelli di Piemonte e Umbria.

Per i Comuni la situazione è considerata più incoraggiante, anche se non si rilevano novità per la Sicilia. Il monitoraggio è stato effettuato su un campione ancora limitato ma comunque rappresentativo perché composto dai Comuni più grandi e distribuiti sul tutto il territorio nazionale. Tra le grandi città a pubblicare tutti i dati richiesti dalla legge spicca Roma, mentre Napoli mancano solo i curricula dei dirigenti, in altri (Milano, Torino, Verona, Ascoli Piceno, Taranto, Catanzaro, Cosenza, Latina e Terni) non è stato invece ancora pubblicato alcun dato.

Il ministero giudica significativo il dato delle Camere di Commercio: dal monitoraggio effettuato su campione le più solerti sono concentrate al Nord con Varese, Verona, Pordenone, Asti e Alessandria; al centro con Ascoli e Lucca, al Sud con Bari e Brindisi. Nel campione però non è contemplato nessuno degli enti camerali presenti nell’Isola.

Articolo pubblicato il 16 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Pa siciliana bocciata in trasparenza -
    I risultati del monitoraggio a campione del ministero per la Pubblica amministrazione. Dalla Regione solo il dato sulle assenze. Ieri è scaduto il termine ultimo per adempiere alle previsioni dell’art.21 della legge n. 69 del 2009
    (16 settembre 2009)
  • Le Regioni a statuto speciale risultano tutte inadempienti -
    Dall’ultimo aggiornamento del 14 settembre sul sito internet del ministero. Dai ministeri i dati solo in parte, tranne da quello delle Politiche agricole
    (16 settembre 2009)


comments powered by Disqus