Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La nuova legge darà il via al risanamento economico
di Cettina Mannino

Per usufruire del contributo, domanda da inviare per via telematica. Resta da istituire la commissione per valutare le domande



PALERMO – In generale tutti gli articoli, della legge “in materia di aiuti alle imprese”, mirano ad aiutare tutti i comparti imprenditoriali della Sicilia.
Non c’è settore nei 64 articoli che non sia stato preso in considerazione per garantire una totale ripresa economica. “Ma è importante sapere che per quanto riguarda l’assessorato al Lavoro della Regione Sicilia l’applicazione della legge si baserà sulla trasparenza e sulla legalità”. Lo afferma l’assessore al Lavoro, Luigi Gentile. “Il lavoratore, che vuole usufruire del contributo regionale, invierà la propria domanda per via telematica - spiega Gentile -. In questo modo contiamo di dare l’opportunità di vedere in che posto della classifica si trova e vedere inoltre il contributo che gli spetta e quanti ancora ne sono rimasti”.

In pratica davanti al computer di casa gli imprenditori possono monitorare il lavoro che gli uffici regionali si stanno attivando a compiere. “La nuova legge, in un momento in cui le aziende siciliane sono in piena crisi, rappresenta – assicura l’assessore- l’avvio di un risanamento economico. Da un lato dunque la legge permette il consolidamento dell’azienda all’interno del proprio territorio dall’altro, riteniamo, che offre agli imprenditori la possibilità di allargare la propria impresa e di assumere i lavoratori a tempo indeterminato”.

“In Sicilia il comparto con maggiore sofferenze economiche sono le attività commerciali e quelle industriali. E con la nuova legge - dichiara- ritengono che ci siano tutte le componenti necessarie per sanare l’economia della nostra Isola. Il tutto fatto con la tutela dei lavoratori”.

Le imprese che usufruiranno della legge a conti fatti avranno un risparmio del 50 per cento in termini di tasse da versare allo Stato. Secondo l’assessore Gentile il metodo per l’applicabilità della legge è semplice ma ci sono alcuni punti da sviluppare. “Dobbiamo subito istituire la commissione-chiarisce l’assessore- che si occuperà di valutare le aziende che hanno i requisiti per poter rientrare nel contributo per gli aiuti alle imprese”. La legge, che permette di passare da tempo determinato ad indeterminato, secondo Gentile, rappresenta un passo importante di cambiamento nel mondo del lavoro siciliano. Fra le clausole riservate ai datori di lavoro la legge riporta che “ il posto o i posti occupati si siano resi vacanti in seguito a dimissioni volontarie, invalidità, pensionamento per raggiunti limiti d’età, riduzione volontaria dell’orario di lavoro o licenziamento per giusta causa e non in seguito a licenziamenti per riduzione del personale”.

Articolo pubblicato il 16 settembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Aiuti alle imprese, istruzioni per l’uso -
    Con la Legge n. 9/09, un risparmio del 50% in termini di tasse da versare allo Stato. Gli articoli dal 36 al 46. Anche per i lavoratori di aziende private possibile passare da tempo determinato a indeterminato
    (16 settembre 2009)
  • Ecco chi può essere assunto grazie alla nuova legge - (16 settembre 2009)
  • La nuova legge darà il via al risanamento economico -
    Per usufruire del contributo, domanda da inviare per via telematica. Resta da istituire la commissione per valutare le domande
    (16 settembre 2009)


comments powered by Disqus