Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Una palermitana ambasciatrice Disneyland
di Redazione

La storia di Antonella Giallombardo, 26enne selezionata per rappresentare il Parco nel 2013/14. Un sorriso contagioso che racconta in tutto il mondo l’attività degli oltre 15 mila cast members del Resort.

Tags: Antonella Giallombardo, Disneyland Paris, Disney, Resort, Parigi, Francia, Disney Voluntears



PALERMO – Da Croceverde-Giardina al Castello della Bella addormentata nel bosco. Questa la favola della 26enne palermitana Antonella Giallombardo, una dei tanti giovani fuggiti dall’Italia per cercare fortuna all’estero. Grazie a un entusiasmo contagioso, a forza di volontà e tanta voglia di mettersi in gioco è stata capace di emergere fra le oltre 15 mila persone che lavorano a Disneyland Paris, il Resort alle porte di Parigi (due parchi tematici con 57 attrazioni, 62 negozi e 58 ristoranti) dove il mondo reale e quello fantastico creato da Walt Disney si incontrano.
Il 5 ottobre del 2012 Antonella, al termine di una durissima selezione, è stata scelta (insieme al francese Jonathan Rabeute) come ambasciatrice per il 2013-2014 di Disneyland Paris: una figura importantissima all’interno del Parco, che rappresenta i cast members (15 mila impiegati, di cui l’87% a tempo indeterminato, provenienti da cento diversi Paesi) sia nei rapporti con i media internazionali che in occasione delle cerimonie ufficiali che si svolgono nel Parco. Fino al 2014, insomma, il sorriso di questa giovane palermitana racconterà Disneyland Paris in ogni parte del mondo.
“Poter rappresentare il brand Disney – racconta – è un sogno. Superare le selezioni per gli ambasciatori, che ti mettono davanti ai più alti vertici di Disneyland, non è stato semplice, ma ne è valsa la pena. La comunicazione impegna gran parte del nostro tempo, anche per il costante aggiornamento della nostra pagina ufficiale su Facebook (www.facebook.com/ambassadeurs.disneylandparis), ma tra le attività che più mi piacciono ci sono i cosiddetti showtime, giornate di immersione in cui diamo visibilità ai mestieri nascosti del Parco: da coloro che si occupano dei maneggi fino ai giardinieri, che lavorano durante la notte, prima che il Parco apra le porte ai visitatori”.
Importante anche l’attività con i Disney voluntears, “i cast members – spiega Antonella - che nel tempo libero si dedicano al volontariato. Da pochi giorni sono tornata dall’Ecuador, dove per festeggiare i trent’anni dei Voluntears, insieme ad altri trenta rappresentanti selezionati in tutto il mondo, abbiamo inaugurato la costruzione di una scuola per bambini”
 
Carmelo Lazzaro Danzuso
 
“Lasciare la Sicilia non è stato facile
ma qui ho trovato la mia dimensione”
 
PALERMO - Un lungo percorso quello che ha portato Antonella Giallombardo in Francia, iniziato quasi per caso nel 2007 grazie a uno spot televisivo che annunciava l’arrivo a Palermo delle selezioni per Disneyland Paris. “Mi ero da poco iscritta all’Università in Lingue straniere – racconta – dopo aver finito il Liceo linguistico. Quando dissi che volevo partecipare alle selezioni i miei genitori erano scettici, ma tre settimane dopo arrivò la lettera in cui mi veniva comunicato di essere stata scelta e che di lì a pochi giorni sarei dovuta partire. Ricordo ancora la faccia di mia madre: eravamo a tavola e lei rimase di sasso, immobile, con la forchetta in mano”.
L’inizio fu come commessa nelle boutique del Resort, con contratti stagionali per i periodi di maggiore affluenza di visitatori (estate, Halloween e Natale). “Per me – spiega – fu la soluzione migliore per conciliare lavoro e gli impegni universitari. Poi, conclusi gli studi, nell’ottobre 2009 mi fu offerta la possibilità di passare a tempo indeterminato e la colsi al volo”.
Da allora la giovane palermitana vive a Parigi, ma quando può torna sempre nella sua Sicilia. “Mi manca il mare - ammette - ma qui ho trovato la mia dimensione. Rischiare e lasciare la Sicilia non è stato facile, ma andar via mi ha permesso di crescere sia professionalmente che umanamente. (cld) 

Articolo pubblicato il 11 dicembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐